Siete qui:

  1. Home
  2. Attrazione AWD
  3. Anfibi
  4. Manta Amphibious Electric Vehicle (2011)

Manta Amphibious Electric Vehicle (2011)

| 16 agosto 2016 11:44

Manta Amphibious Electric Vehicle (NAIAS 2011)

 

Tra le numerose iniziative internazionali riservate ai futuri designer dell’automobile,Manta Amphibious Electric Vehicle (NAIAS 2011) uno dei più noti è senz’altro quello del Michelin Challenge Design.  Lanciato nel 2001 dalla Michelin North America con l’intento di esaltare il pensiero creativo destinato a definire le linee della futura produzione automobilistica internazionale, il Michelin Challenge Design dopo l’avvio piuttosto tiepido della prima edizione (125 i designer partecipanti) ha visto consolidare di anno in anno la sua fama fino ad arrivare alla cifra record di 970 progetti presentati nell’edizione 2011 dai quali sono stati selezionati 34 finalisti che hanno presentato le loro realizzazioni nel corso del North American International Auto Show (NAIAS) dello stesso anno. Tra queste, una delle più ammirate è stata la Manta Amphibious Electric Vehicle del belga David Cardoso Loureiro, un ingegnere specializzato in progetti di energia solare con l’obiettivo di diventare un designer di automobili.Manta Amphibious Electric Vehicle (NAIAS 2011)

La Manta Amphibious Electric Vehicle progettata da Cardoso è un concept anfibio a 3 ruote, in grado di trasportare una sola persona, equipaggiato di due motori elettrici che alimentano le due ruote posteriori; queste ultime, nel corso della navigazione, possono ruotare di 90° trasformandosi in eliche consentendo al veicolo di muoversi in acqua ad andatura piuttosto sostenuta, anche se non si raggiungono le velocità di un anfibio con idrogetto e ruote retrattili.  Ideale per chi vive lungo le coste di laghi o le rive di fiumi, ma altrettanto versatile anche in mare, questo anfibio elettrico a 3 ruote si presta inoltre benissimo ad essere utilizzato come tender senza ricorrere a carrelli di traino. “Questo veicolo”, ha dichiarato David Cardoso Loureiro, “è relativamente semplice da costruire e potrebbe aprire la strada agli anfibi a basso costo, offrendo al conducente grandi sensazioni di guida”.

 



Commenti

Non ci sono commenti

Inserisci un commento

I campi contrassegnati con " * " sono obbligatori