Siete qui:

  1. Home
  2. PROVE E DINTORNI
  3. Aziende
  4. Il design di Opel Mokka nella "citta del coltello"

Il design di Opel Mokka nella "citta del coltello"

| 30 maggio 2022 17:01

Il design di Opel Mokka incontra la coltelleria di Maniago

Opel Mokka ha mostrato al mondo il nuovo volto del marchio, con Opel Vizor e le sue linee affilate e precise • Caratteristiche che richiamano l’abilità del distretto della coltelleria di Maniago, in Friuli Venezia Giulia, dove si continua a valorizzare l'innovazione tecnologica seguendo l'evoluzione del design • “Audace e Puro” è lo slogan che sintetizza il nuovo corso di Opel, nel segno di una determinazione che accomuna la più pregiata produzione italiana del “Made in Maniago”.

 

Opel Mokka continua a dimostrare una personalità fresca, con il suo design energico e dinamico che si offre come ideale interpretazione del concetto 'Bold and Pure' - Audace e Puro, con cui Opel affronta il futuro della mobilità. Tanto esternamente, quanto nell'abitacolo, il design è caratterizzato dalla precisione tipica dell’ingegneria tedesca, mostrando linee affilate che ne definiscono il minimalismo dalla forte espressività. Opel Mokka mostra l’inconfondibile frontale del Marchio del Fulmine: l’Opel Vizor: esteso su tutta la parte anteriore del veicolo al di sotto del cofano, è un modulo elegante che incornicia i nuovi stilemi Opel, come i fari a matrice IntelliLux LED®, con al centro tutta la forza dell'Opel Blitz. Il design prosegue nell'abitacolo, dove il Pure Panel ruba la scena, dando continuità alla visione progettuale di Opel Vizor. Due schermi di grandi dimensioni, raccordati tra di loro a formare un unico grande schermo, occupano la plancia, con il display centrale volutamente orientato verso il guidatore, e le prese d'aria spinte in secondo piano per assecondare il minimalismo generale senza intaccare il benessere di bordo.Il design di Opel Mokka incontra la coltelleria di Maniago

Pure Panel fornisce le informazioni più importanti per il guidatore solo al momento giusto, senza stimoli visivi superflui, in nome di una esperienza 'detox' che lascia intatto il flusso informativo. Anche la console centrale beneficia di questo approccio, grazie al freno di stazionamento elettrico ed alla nuova leva del cambio automatico: nessun elemento sporgente disturba la purezza del suo design, con una perfetta integrazione dei comandi. Nei suoi 4,15 metri di lunghezza Opel Mokka racchiude la ricetta per soddisfare variegate esigenze, come testimoniano i cinque posti ed i 350 litri di capacità del bagagliaio. I cerchi bi-color completano idealmente la presenza su strada di Opel Mokka, definendone in maniera emblematica l'energico dinamismo. Il design affilato e preciso di Opel Mokka, si presta ad un viaggio in Friuli Venezia Giulia, alla scoperta degli strumenti da taglio prodotti dai coltellinai di Maniago, ennesima rappresentazione delle migliori eccellenze italiane. In questo comune di circa 12.000 abitanti, localizzato nella provincia di Pordenone, la definizione di “città del coltello” è datata 1453, quando viene dato il via alla possibilità di sfruttare l'acqua del torrente Còlvera con una roggia dedicata. Inizialmente la produzione si concentra su strumenti per l'agricoltura, cui seguono spade e armi d'asta per la Repubblica di Venezia. Oggi Maniago è sede del Distretto delle coltellerie, composto da nove comuni e con circa 1.000 addetti nel solo ciclo produttivo degli articoli da taglio. Di fatto, è il secondo polo industriale nella provincia di Pordenone. La prima grande fabbrica di coltelli del 1907 è oggi sede del Museo dell'arte fabbrile e delle coltellerie, con una fedele ricostruzione di differenti ambienti di lavoro delle principali produzioni passate. Sulla centrale Piazza Italia si affacciano differenti edifici storici, come il quattrocentesco Duomo in stile tardo gotico friulano, e proprio sulla piazza si trovano le vetrine del Consorzio Coltellinai Maniago che dal 1960 unisce 46 aziende specializzate, con l'obiettivo di diffondere nel mondo la qualità dei prodotti “Made in Maniago”. Per comprendere come si estenda il catalogo della produzione locale, è sufficiente citare i differenti settori di applicazione: in ambito cucina rientrano anche i popolari cavatappi, mentre l'agricoltura si estende al giardinaggio, dalla cura della persona si passa al tessile, per finire con l'ampio ambito sportivo. In quest’ultimo contesto la segmentazione ulteriore riguarda caccia, pesca, sub e nautica. In costante crescita invece l'outdoor che include il soccorso, l'ambito tattico e la categoria gentleman. Proprio questa categoria è sotto i riflettori con il suo trend di crescita, grazie all'espressione “Everyday Carry” che sottintende gli oggetti da portare quotidianamente con sè, per sopperire a differenti situazioni che si possono creare anche improvvisamente. La crescita esponenziale di questo fenomeno, è sottolineato dal 90% di produzione verso l'export, con i soli Stati Uniti a rappresentare il 40%. Non a caso ad Atlanta ha luogo l'annuale “Blade Show”, fiera di settore che nel 2018 ha premiato proprio il Consorzio di Maniago per la migliore collaborazione. Lo stesso Consorzio ha creato una linea di prodotti distribuiti con l'acronimo MKM (Maniago Knife Makers) con cui viene identificato anche il sito web dove oltre 850 prodotti vengono commercializzati in tutto il mondo. Oggi, il Consorzio di affida a designer in grado di interpretare le nuove tendenze: i danesi Jesper Voxnaes e Jens Anso firmano le più recenti creazioni, in nome di un minimalismo che piace sempre più. Annualmente, Maniago celebra la sua competenza produttiva con un evento ad hoc: “Coltello in festa” durante il primo week-end di settembre porta nella grande Piazza Italia il meglio della produzione locale, per condividere con il pubblico questo autentico orgoglio nazionale. Una eccellenza che si collega al design affilato di Opel Mokka, con quella precisione che cela innovazioni di ultima generazione, precedentemente disponibili solo in segmenti superiori.