Siete qui:

  1. Home
  2. Attrazione AWD
  3. Anfibi
  4. Fiat 1100 Boat Car (1953)

Fiat 1100 Boat Car (1953)

| 21 febbraio 2015 11:12

Fiat 1110 Boat Car (1953)

 

Tra i numerosi fenomeni che hanno interessato il mondo dell’auto negli ultimi anni,Fiat 1110 Boat Car (1953) uno dei più dilaganti è senz’altro quello della proliferazione di nuove tipologie che in molti casi, come in quello dei mezzi a trazione integrale, ha dato origine a sua volta ad ulteriori segmenti nei quali le peculiarità essenziali dei veicoli tradizionali ai quali si ispirano sono completamente assenti.  Basti pensare ad esempio a quello che è accaduto nell’ambito dei SUV dove ormai non si contano più le versioni a due sole ruote motrici, definite generalmente 2WD o FWD (front wheel drive).  Anche nel mondo degli anfibi c’è stato molti anni fa un caso analogo di camouflage dove l’apparire doveva prevalere sull’essere.  Siamo nel 1953 e nelle officine della Carrozzeria Coriasco di Torino nasce la Fiat 1100 Boat Car, prodotta in esemplare unico per la Scuola nautica Scarani di Bologna.  Questo veicolo (equipaggiato con un motore a quattro cilindri di 1,1 lt  che sviluppava una potenza di 36 CV) non era affatto un anfibio, non essendoFiat 1110 Boat Car (1953) in grado di navigare (né di galleggiare in acqua) e rientra in quella categoria che oggi viene definita come “show car”. Un esercizio di stile molto fantasioso e bizzarro (abbinato ad un design quasi all’avanguardia per l’epoca) realizzato agli albori del boom economico dell’ultimo dopoguerra.  Caratterizzato da una linea molto idrodinamica, dove spicca l’ampia carena anteriore che sembra proprio quella di una barca, la Fiat 1100 Boat Car è interamente ricoperta di teak calpestabile e presenta una hard-top rigido (con due grossi oblò laterali) sormontato da un tendalino marino.  Chi volesse ammirarla da vicino deve recarsi in Olanda (L’Aia) al Museo Lowman, la più antica e completa collezione privata di automobili al mondo che racchiude al suo interno oltre 230 modelli compresa la Amphicar.

 



Commenti

Non ci sono commenti

Inserisci un commento

I campi contrassegnati con " * " sono obbligatori