Siete qui:

  1. Home
  2. PROVE E DINTORNI
  3. Saloni
  4. Vestito nuovo per il Salone dell'Auto a Torino

Vestito nuovo per il Salone dell'Auto a Torino

| 11 giugno 2015 17:30

Vestito nuovo per il Salone dellAutomobile a Torino

Semaforo verde a Torino per "Parco Valentino - Salone & Gran Premio", la manifestazione dedicata all'automotive ideata e realizzata dall'imprenditore Andrea Levy con l'ambizioso obiettivo di riportare nella "Capitale dell'Auto" una delle passerelle più prestigiose riservata alle quattro ruote - Alla cerimonia di inaugurazione erano presenti Piero Fassino, Sindaco di Torino, per il tradizionale taglio del nastro, e Claudio Lubatti, assessore Viabilità e Trasporti di Torino.

 

"Con un nuovo vestito rinasce il Salone dell'Automobile a Torino", con queste parole Piero Fassino,Vestito nuovo per il Salone dellAutomobile a Torino Sindaco di Torino, ha chiuso il suo discorso introduttivo nel corso della cerimonia inaugurale con il classico taglio del nastro che ha aperto stamane ufficialmente alle 9.30 la prima edizione di "Parco Valentino - Salone & Gran Premio" nella suggestiva cornice del Castello del Valentino adagiato sulle rive del Po. "Questa è la prima edizione", ha proseguito Fassino, "di un Salone dell'Automobile che naturalmente noi puntiamo a rinnovare annualmente  e sulla base anche di questa prima esperienza con questo nuovo vestito lavoreremo naturalmente perchè il vestito sia sempre più ricco e sempre più gradevole e attrattivo, e quindi comincia una nuova storia del Salone dell'Automobile".

"Oggi il nostro sogno diventa realtà", ha dichiarato Claudio Lubatti,Vestito nuovo per il Salone dellAutomobile a Torino assessore Viabilità e Trasporti di Torino, "un Salone dell'Auto che ritorna a Torino dopo tanti anni con una formula totalmemte nuova, con un vestito nuovo come ha detto il Sindaco.  Volevamo fare un Salone che non fosse un salone tradizionale poichè sapevano che eravamo al primo anno e volevamo creare nelle Case automobilistiche un pò di curiosità per scegliere Torino come una nuova casa dove fare il Salone dell'Auto.  Ebbene il risultato è grandioso.  Avere 25 Case automobilistiche, avere tantissimi ospiti da tutto il mondo che arrivano da posti lontanissimi, è un grande onore essere qui a rappresentare la Città e questa grande opportunità che la Città intende sfruttare quest'anno,  e non lasciarsi sfuggire.  Questo deve essere il primo anno dl ritorno del Salone dell'Auto, ma cominciamo di nuovo a guardare al Salone dell'Auto come una costante per la città di Torino.  Oltre alla sfida dell'essere un salone all'aperto noi abbiamo voluto un salone in mezzo alla città.  Domenica attraverseremo cinque quartieri, non saremo soltanto nel posto più bello di Torino, come siamo in questo momento, uno dei salotti migliori  della città, ma attraverseremo anche le periferie toccando quartieri che faticano un pò di più rispetto al centro della città. E non è stata unaVestito nuovo per il Salone dellAutomobile a Torino scelta casuale, abbiamo voluto portare il mondo dell'auto nella città, in mezzo alla strada, percorrendo 15 chilometri di attraversamento della città per raggiungere un altro posto splendido che è la Reggia di Venaria.  E poi ci sono le novità, c'è la voglia di guardare al futuro con l'idea di costruire non soltanto un salone espositivo, ma anche una salone che guardasse le sfide del futuro.  Perchè la città di Torino, nell'essere consapevole di essere la città dell'auto, sta guardando al futuro con una nuova sfida, con nuovi obiettivi che sono una città della cultura, una città del turismo, una città che guarda a delle caratteristiche specifiche che non sono soltanto quelle delle autovetture.  Questo Salone è una grande vetrina che vuole spiegare al mondo che a Torino si può guardare al futuro insieme ancora pensando all'auto".

Vestito nuovo per il Salone dellAutomobile a Torino

"Siamo molto orgogliosi di questa prima edizione", ha commentato con soddisfazione Andrea Levy, Presidente di Comitato Organizzatore, "che ha visto 35 brand dell'automotive, e stiamo già lavorando per qualche nuova idea per la prossima edizione. Quest'anno abbiamo avuto 25 Case automobilistiche e 10 Centri Stile e abbiamo alcune Case che hanno già confermato per il 2016 e che quest'anno non sono presenti.  L'obiettivo per l'anno prossimo è avere più brand ancora e farlo diventare il Salone delle novità. Quest'anno il tema principale è stato lo sport, scelta non casuale poichè Torino 2015 è anche Capitale europea dello sport, quindi abbiamo brand prevalentemente sportivi; abbiamo anche un'area box motorsport con diverse automobili che hanno fatto un pò la storia delle competizioni.  Per l'anno prossimo ci concentreremo ancora di più sul tema delle novità, invitando più brand generalisti e stiamo già lavorando in questa direzione. Quest'anno inuguriamo Parco Valentino con due anteprime mondiali che arrivano dai centri stile torinesi: la prima è la Mole di Umberto Palermo, la seconda una supercar della Torino Design con 860 CV, oltre all'anteprima nazionale della nuova McLaren 570S e tantissime novità proposte dalle 25 Case automobilistiche presenti che tornano a Torino a far conoscere le loro novità".

Vestito nuovo per il Salone dellAutomobile a TorinoNel corso della lunga carrellata attraverso i padiglioni espositivi Piero Fassino ha visitato tutti gli stand presenti al Parco Valentino, offrendo la massima disponibilità nel lasciarsi fotografare con le auto in passerella e, in alcuni casi, anche all'interno di alcuni dei bolidi più famosi presenti al Salone.  In ogni stand c'era un'ampia rappresentanza dei responsabili del brand (dell'ufficio stampa e del marketing, e persino un amministratore delegato e un  presidente)  ad  accogliere  il  Sindaco, ma  lo stand della Jaguar Land Rover Italia era completamente deserto, senza alcun rappresentante dell'Azienda.  A fianco dei quatto modelli esposti (2 Jaguar e 2 Land Rover) c'erano solanto quattro modelle in mini-short a svolgere l'inatteso ruolo di brand ambassador...

 



Commenti

Non ci sono commenti

Inserisci un commento

I campi contrassegnati con " * " sono obbligatori