Siete qui:

  1. Home
  2. Attrazione AWD
  3. Anfibi
  4. SEEP: LA JEEP ANFIBIA

SEEP: LA JEEP ANFIBIA

| 05 aprile 2010 15:12

SEEP: LA JEEP ANFIBIA 


Agli inizi degli anni Quaranta, quando la Jeep inizia lentamente ad affermarsi sul mercato SEEP: LA JEEP ANFIBIAamericano e a fare già capolino in Asia e in Europa, appaiono i primi esemplari speciali destinati ad utilizzi bellici molto particolari. Uno dei modelli più noti (e oggi apprezzati dai numerosi appassionati e collezionisti di tutto il mondo) è senz'altro la Seep, la versione anfibia il cui acronimo deriva dalla contrazione della sigla "Sea-going Jeep". Realizzata in collaborazione con l'allora famoso centro nautico "Sparkman e Stephens", la Seep venne messa in cantiere in seguito ad una commessa avanzata dalla Ford che prevedeva la produzione di 12.778 esemplari. La catena di montaggio, avviata nel 1942, interrompe però la lavorazione l'anno successivo e le Seep prodotte arrivano a circa 6.000 unità. Praticamente identica nella meccanica al modello originale, la Jeep anfibia si muove in acqua grazie all'adozione di un'elicaSEEP: LA JEEP ANFIBIA posteriore e ad un timone direzionale, mentre il peso del veicolo (540 chili in più) impone l'adozione di una foglia aggiuntiva nelle balestre. La Seep (lunga 4.63 mt e larga 1.6 mt) raggiungeva una velocità massima di 80 Kmh su strada e di circa 8 Kmh in acque calme, mentre nell'utilizzo off-road poteva superare una pendenza massima superabile del 45%.

 



Commenti

Non ci sono commenti

Inserisci un commento

I campi contrassegnati con " * " sono obbligatori