Siete qui:

  1. Home
  2. Avventura
  3. Off-Road No-Limits
  4. QUOTA 6.646: JEEP WRANGLER WORLD RECORD

QUOTA 6.646: JEEP WRANGLER WORLD RECORD

| 08 maggio 2007 15:19

QUOTA 6.646: JEEP WRANGLER WORLD RECORD 

 

Nota per essere la seconda montagna più alta dell'emisfero occidentale (6.892 metri), l'Ojos del Salado venne scalata per la prima volta nel 1937. Nel scorso anno, in occasione dell'anniversario dei settant'anni dalla prima ascensione sulla vetta cilena, la Jeep Rubicon 3.8 JEEP WRANGLER WORLD RECORD è stata protagonista di una storica impresa finita addirittura sul "Guinnenss dei Primati". Nel mese di marzo 2007 due Wrangler Rubicon Unilimited condotte da team tedesco della Extreme Events, guidato da Matthias Jeschke, si sono spinte sulle Ande cilene per scalare l'Oios del Salado. La spedizione ha raggiunto per la prima volta l'incredibile altezza di 6.646 metri, conquistando il record mondiale per un veicolo a motore di serie (condizione essenziale affinchè il primato venga ufficialmente riconosciuto). Non a caso l'impresa realizzata con le due Wrangler Rubicon ha scatenato subito la sfida di alcuni avventurosi off-roader che, con molta improvvisazione, si sono spinti con 4x4 più o meno modificati sulle pendici delle Ande cilene nel tentativo di battere il record. Un equipaggio locale, a bordo di una piccola Suzuki Samurai, JEEP WRANGLER WORLD RECORD ha cercato di raggiungere una quota più elevata ma il record (com'era facilmente prevedibile), proprio a causa delle numerose modifiche apportate al veicolo, non è stato omologato. L'equipaggio cileno in questione inoltre si è reso protagonista di un'altra "impresa", decisamente poco edificante, rimuovendo la targa commemorativa apposta dal team della Jeep.
L'Ojos del Salado è la seconda montagna più alta dell'emisfero occidentale (6.892 metri), adesso soprannominata "il parcheggio più alto del mondo": un parcheggio riservato ai veicoli Jeep, ovviamente. "E' stata la sfida perfetta per distinguere il nuovo Jeep Wrangler Unlimited da tutti gli altri SUV a trazione integrale. Una scalata come questa non rappresenta soltanto un banco di prova delle capacità fuoristradistiche, ma anche un test effettuato in condizioni estreme, JEEP WRANGLER WORLD RECORD una vera e propria testimonianza delle elevate prestazioni della catena cinematica,  delle sospensioni e delle potenzialità del veicolo. Siamo estremamente orgogliosi del fatto che la Jeep Wrangler Unlimited sia stata la prima vettura in grado di portare a termine una sfida così ambiziosa, e siamo convinti che questa impresa possa elevare il veicolo al di sopra alla concorrenza", ha dichiarato Thomas Hausch, Vice President International Sales, Chrysler Group. Durante il percorso, il team ha dovuto affrontare bufere di vento, temperature rigide fino a - 30°C e l'aria rarefatta che caratterizza le altitudini molto elevate, destreggiandosi fra insidiosi ghiacciai, pendii rocciosi e distese di sabbia vulcanica. L'ultimo tratto della scalata è stato quello più arduo. Le due Jeep Wrangler Unlimited dovevano attraversare un ghiacciaio, in alcune parti così scivoloso da poter essere attraversato solo con gli scarponi chiodati. In questa occasione il motore JEEP WRANGLER WORLD RECORD V6 benzina da 3,8 litri e gli pneumatici Goodyear MT/R hanno dato prova delle loro eccezionali capacità, consentendo a Jeep Wrangler Unlimited di essere il primo veicolo ad attraversare il ghiacciaio dell'Ojos del Salado. Dopo aver raggiunto la meta iniziale, all'altitudine di 6.500 metri, il team ha proseguito la scalata, spingendosi avanti fino al punto in cui non era più possibile avanzare. "Incredibile, sconvolgente, fenomenale," è stata l'esclamazione del capo del team, Jeschke, dopo avere raggiunto la spianata in cima alla vetta. Le due Jeep Wrangler Unlimited che hanno portato a termine questa incredibile sfida sono due Rubicon con equipaggiamento standard. Oltre alla dotazione di serie, entrambi i modelli montavano pneumatici Goodyear MT/R ed avevano a disposizione verricelli ed apparecchiature elettroniche di misurazione dell'altitudine.

 



Commenti

Non ci sono commenti

Inserisci un commento

I campi contrassegnati con " * " sono obbligatori