Siete qui:

  1. Home
  2. Pole Position
  3. Club 4x4
  4. 7° edizione Off-Road Valleys by G.F.I. Alpe Adria

7° edizione Off-Road Valleys by G.F.I. Alpe Adria

| 22 agosto 2021 12:52

7a edizione Off-Road Valleys by G.F.I. Alpe Adria

Una consolidata sinergia che si protrae da sette anni tra l'associazione “Vallimpiadi” ed il G.F.I. Alpe Adria (quelli del Gradisca), ha dato vita il 15 agosto all'“Off-Road Valleys” - Raduno fuoristrada con impronta prettamente turistica nell’obiettivo di far conoscere le Valli del Natisone, uno dei territori più affascinanti ed incontaminati all’estremo nord est del Bel Paese.


L'evento ha visto la partecipazione di una quarantina di equipaggi con partenza da San Pietro al Natisone7a edizione Off-Road Valleys by G.F.I. Alpe Adria e il via dato da Mariano Zufferli, Sindaco del luogo e portavoce dell’ospitalità offerta da tutte le comunità delle Valli. Il programma prevedeva una serie di tratti boschivi, solitamente preclusi al transito veicolare e per l’occasione concessi in deroga alla vigente normativa, non particolarmente impegnativi ed indicati a tutti i 4x4, SUV compresi. Per gli amanti del fuoristrada impegnativo, già in mattinata vi era una variante lunga circa un chilometro nella quale si cimentavano solamente i piloti più esperti in off-road. Dopo una sosta ristoro che intratteneva i partecipanti ai bordi un laghetto, poco dopo mezzogiorno iniziava la risalita verso il monte Matajur che nel punto più alto del percorso tocca quota 1.300 metri, dominando dall’alto parte delle valli sottostanti e della pianura friulana con una vista che raggiungeva la costa dalmata. La giornata molto calda, tipica del Ferragosto, invogliava i partecipanti a intrattenersi in quota e l’organizzazione aveva predisposto una fresca pausa ristoro, a base di frutta, negli spazi verdi e ombreggiati a fianco di una tipica chiesetta di montagna. Nel tardo pomeriggio iniziava la ridiscesa verso San Pietro al Natisone dove i partecipanti potevano chiudere la giornata dopo aver consumato un altro ristoro nello stabile dove viene prodotta la Gjulia, una particolare e molto gradita birra agricola artigianale. Grazie ai positivi risconti dei partecipanti e alla soddisfazione generale degli organizzatori, già si pensa alla prossima edizione 2022 che potrà riservare altre interessanti novità sulla collocazione dei percorsi da affrontare e sulle mete da raggiungere.