Siete qui:

  1. Home
  2. Pole Position
  3. Raduni ed Eventi
  4. PWCI: RADUNO ELBA 2010

PWCI: RADUNO ELBA 2010

| 24 marzo 2010 18:10

PWCI: RADUNO ELBA 2010

 

Nella perla dell'arcipelago toscano

 

Il Club monomarca della Casa dei Tre Diamanti apre la nuova stagione dei raduni 2010 nella suggestiva cornice dell'isola d'Elba tra percorsi panoramici di rara bellezza e varianti da brivido, sempre rigorosamente all'insegna del fuoristrada.


Qualcuno lo chiama raduno, o preferisce il neologismo "viaggioffroad". PWCI: RADUNO ELBA 2010Qualcun altro continua a pensarlo come una "gita fuori porta", o lo vive come un delizioso diversivo alle solite partenze veloci, mentre gli irriducibili dell'off-road non vedono l'ora di affrontare le sue varianti più dure, per mettere alla prova il proprio spirito di avventura o le capacità del proprio veicolo. Quello che è certo, è che sono davvero in molti a non trovare una definizione adeguata per contenere tutte le esperienze e le emozioni che il Pajero World Club Italia riesce a regalare agli amanti del fuoristrada. L'ultima avventura si è svolta nella prima settimana di marzo e, con un pizzico di concentrazione, potete immaginarla più o meno così. Il protagonista è una lunga carovana di auto, rigorosamente fuoristrada, e rigorosamente Mitsubishi. Immergetela in un sogno lungo più o meno un week end, immerso PWCI: RADUNO ELBA 2010nell'incantevole atmosfera di una delle più belle perle dell'Arcipelago Toscano come l'isola d'Elba, e provate ad immaginare cosa si possa provare a vivere un viaggio che inizia e finisce guidando in fuoristrada, percorrendo percorsi off-road immersi nei colori e nei profumi della macchia mediterranea. L'appuntamento di partenza è fissato al sabato mattina presso le surreali Fortezze Medicee di Portoferraio, una location che dall'alto domina l'intera baia circostante, dove i partecipanti hanno effettuato le registrazioni e ricevuto i road book del percorso. Tra i numerosi appassionati accorsi al primo appuntamento stagionale del Papero World Club Italia figuravano famiglie con bambini al seguito (anche molto piccoli), coppie di giovani o di sposi affiatati, guidatori solitari o squadre di amici. Tutti all'insegna del comune denominatore di PWCI: RADUNO ELBA 2010divertirsi alla scoperta dell'Isola e dei percorsi fuoristrada che il PWCI ha loro riservato. Partenza alla volta di Porto Azzurro e Rio dell'Elba: dopo alcune salite e discese piu' o meno impegnative, si rivede il mare, sulla cresta di montagne immerse nel verde elbano. Tra discese sassose e squarci unici, i soci seguono alla lettera il road book, ed iniziano a divertirsi sul serio. Le piogge recenti hanno lasciato alcuni guadi e le auto spruzzano dappertutto fango e acqua al loro passaggio, mentre i più avventurosi si cimentano nelle varianti più impegnative. Il viaggioffroad prosegue alla volta di Lacona, una località sul mare davvero incantevole, per raggiungere poi Porto Azzurro dove, ad aspettare la carovana, ci sarà un'ottima cena a base di pesce mentre i motori delle Mitsubishi si concedono una breve pausa nel parcheggio dell'hotel.PWCI: RADUNO ELBA 2010Nel secondo giorno del raduno l'aria è nitida e frizzante e, dopo gli ultimi controlli di rito sui veicoli, si riparte per affrontare un percorso molto più guidato e scorrevole e raggiungere (attraverso viste uniche sui golfi dell'isola) una suggestiva miniera di ferro. Qui troviamo ad attenderci una guida che ci condurrà alla scoperta di un mondo sommerso e fascinoso, per poi lasciarci ripartire e viaggiare, ancora lungo tratti off-road, e ancora alla volta di una meta molto ambita: un vero e proprio "parco giochi" che al posto delle giostre ha il fango, e dove il simpatico bruco-mela si è trasformato in un lungo serpentone di paletti e dossi. Siamo arrivati alla pista di trial, dove si scatena PWCI: RADUNO ELBA 2010la maggior parte dei partecipanti sotto gli occhi attenti e divertiti delle mucche che stazionano ad alcune centinaia di metri dal circuito.Nel frattempo è giunta l'ora di pranzo e la carovana raggiunge il tradizionale ristorante, immerso nelle acque turchesi di Porto Azzurro, dove hanno luogo anche le classiche premiazioni riservate tra l'altro all'equipaggio più numeroso, agli iscritti più giovani e al guidatore più "dannoso". Tutti si salutano con il sorriso ed una nuova esperienza da portare a casa. Un'avventura unica e indimenticabile, durata due giorni e una notte e che ha tutte le carte in regola per entrare nell'album dei più bei ricordi. Il Pajero World Club Italia ringrazia tutti coloro che hanno reso possibile questa bella vventura, come i soci del Club Elba 4x4 (che hanno supportato il Club Mitsubishi nella realizzazione dei percorsi), dando appuntamento al prossimo evento in calendario ad Asti il 15 e il 16 maggio.

 



Commenti

Non ci sono commenti

Inserisci un commento

I campi contrassegnati con " * " sono obbligatori