Siete qui:

  1. Home
  2. Storia del 4x4
  3. Autostory 4x4
  4. MAGNUM VAV

MAGNUM VAV

| 23 gennaio 2010 23:17

Magnum VAV


Verso la fine degli anni Novanta, quando era ancora presente sul mercato (grazie soprattutto alle forniture di veicoli alla Polizia di Stato), la Magnum Industriale di Cherasco tentò di mettere in cantiere anche una versione speciale del suo fuoristrada presente già da diversi anni sul mercato.Magnum VAVIl nuovo modello, chiamato Magnum 4x4 VAV (Veicolo Attacco Veloce), era indirizzato nelle intenzioni dell'Azienda all'Esercito italiano e venne realizzato proprio in funzione di un bando di concorso per la fornitura di veicoli destinati alle forze armate. Il Magnum 4x4 VAV deriva strettamente dal modello stradale, di cui conserva motore, telaio e parte inferiore della carrozzeria che (seppur adattata al nuovo utilizzo del veicolo) è riconducibile alla Magnum stradale. La differenza sostanziale riguarda la parte superiore del veicolo, completamente scoperta e caratterizzata da due rollbar di sezione circolare realizzati in acciaio al cromomobildeno,Magnum VAV facilmente smontabili dalle loro sedi e trasportabili a bordo del veicolo. Dotato di quattro porte (con la parte inferiore in lamiera smontabile e quella superiore amovibile e ricoperta di una struttura telonata), presenta inoltre una ribaltina posteriore incerneriata sulla traversa inferiore. Il parabrezza, come sulla maggior parte dei veicoli militari, è ribaltabile anteriormente e viene ancorato mediante appositi fissaggi sul cofano le cui dimensioni sono più contenute rispetto a quelle della versione stradale. Sul frontale spiccano i due proiettori di forma circolare, affiancati da due gruppi ottici al cui interno sono inseriti gli indicatori di direzione e le luci di posizione oscurate (utilizzate nel corso di operazioni militari); tute le luci inoltre, sia anteriori che posteriori, sono impermeabili e adeguati alle normative NATO dell'epoca. Magnum VAV A richiesta era inoltre previsto un secondo allestimento mediante l'adozione di un hard-top inseribile sui roll-bar fissati al veicolo, mentre per quanto riguarda l'allestimento interno sono previste diverse configurazioni di seduta per accogliere fino a 9 persone. Il motore della Magnum 4x4 VAV è il classico VM turbodiesel di 2.8 lt, in grado di sviluppare 90 CV e una coppia di 280 Nm disponibile già a partire da 1.800 giri. Le capacità in fuoristrada del VAV erano di tutto rispetto, con ottimi valori per gli angoli di attacco (48°) e di uscita (48°), una considerevole altezza minima da terra (25 cm), una pendenza massima superabile del 60% e una capacità di guado di 60 cm che, con opportune modifiche all'impianto elettrico e alla presa d'aria del carburatore, poteva arrivare a 90 centimentri.  Purtroppo la situazione aziendale di quegli anni, che porterà alla chiusura definitiva qualche anno dopo, impedì il passaggio alla produzione di serie del Magnum 4x4 VAV (che venne presentato anche all'Eursatory di Parigi nel 1998) di cui vennero realizzati solo due prototipi.

 



Commenti

Non ci sono commenti

Inserisci un commento

I campi contrassegnati con " * " sono obbligatori