Siete qui:

  1. Home
  2. Pole Position
  3. Tecnica di Guida
  4. CAPITOLO 1: L'ABC DELL'OFF-ROAD

CAPITOLO 1: L'ABC DELL'OFF-ROAD

| 29 dicembre 2009 15:21

LABC delloff-road

La guida di un veicolo fuoristrada, pur non richiedendo accortezze e precauzioni particolari, non differisce sostanzialmente da quella di una normale autovettura. Anche in questo caso è l'esperienza, abbinata a una grossa dose di buonsenso, a dettare le principali norme di comportamento. Esistono tuttavia situazioni peculiari LABC DELLOFF-ROADdi guida (neve, fango, sabbia, guado, etc.) che proprio nel corso dell'utilizzo di un veicolo a quattro ruote motrici possono a volte essere affrontate in condizioni esasperate. Sia in funzione delle particolari situazioni atmosferiche che per le singolari caratteristiche geo-climatiche presenti in una determinata area.
Un off-roader che voglia avventurarsi fuori dall'asfalto senza problemi deve quindi conoscere le varie tecniche di guida da adottare lungo i più disparati tipi di percorso (sterrati, pendenze laterali, dossi, torrenti, etc.), senza trascurare inoltre quelle particolari situazioni nelle quali si rivela fondamentale l'adozione di alcuni importanti accessori (verricello, tirfor, piastre antisabbia, etc.), a volte indispensabili per superare con disinvoltura alcuni ostacoli apparentemente insormontabili. LABC DELLOFF-ROADPer una maggiore comprensione dei vari argomenti che riguardano le varie tecniche di guida in fuoristrada è utile tuttavia prendere dimestichezza anche con alcune informazioni preliminari di carattere generale, che rappresentano una sorta di "ABC dell'off-road", al cui interno vengono esposte le premesse indispensabili per affrontare la guida di un veicolo 4x4 in assoluta tranquillità e sicurezza. Prima di esaminare le varie situazioni di guida va ricordato che ogni veicolo è sostanzialmente diverso da un altro, per cui anche le sue caratteristiche (dimensioni, peso, cilindrata, potenza) seppur allineate a un comune denominatore, richiedono tecniche e stili diversi. Basandoci soprattutto sul parametro relativo alle dimensioni, possiamo individuare quattro tipologie di fuoristrada, suddividendoli schematicamente in altrettante categorie: LABC DELLOFF-ROAD"piccole", "medie", "station-wagon" e "pick-up". Nel primo gruppo sono compresi i veicoli di piccola cilindrata rappresentati sia dalle normali vetture 4x4 che dai mini-fuoristrada (soprattutto giapponesi); nel secondo sono raggruppati i tradizionali fuoristrada più diffusi sul mercato; nel terzo troviamo i modelli a passo lungo la cui lunghezza oltrepassa i quattro metri; nel quarto vengono classificati quei veicoli a trazione integrale che, in base alle loro caratteristiche, possono essere impiegati in svariate attività lavorative grazie all'ampia superficie di carico e al notevole spazio disponibile sul cassone posteriore. LABC DELLOFF-ROADNell'ambito di ogni veicolo, inoltre, si rivela determinante ai fini dell'impostazione della tecnica di guida anche l'altezza minima da terra, valutata generalmente in prossimità del margine inferiore del differenziale; questo valore determina anche quella serie di parametri noti come "angolo di attacco", "angolo di uscita" e "angolo di dosso". L'angolo di attacco è determinato dalla linea orizzontale del piano stradale e dalla tangenziale passante tra la ruota anteriore e il punto inferiore più sporgente dei veicolo; maggiore risulterà tale angolo, minori saranno le possibilità di toccare con la carrozzeria o il telaio nel corso di una ripida LABC DELLOFF-ROADsalita o nel superamento di un ostacolo. L'angolo di uscita è determinato dalle stesse linee, riferite alla parte posteriore del veicolo, e presenta solitamente un valore minimo rispetto al precedente a causa della sporgenza del pianale di carico, ulteriormente esaltata nelle versioni pick-up (spesso penalizzati da un cassone di notevoli dimensioni). L'angolo di dosso, come è facile intuire, indica l'altezza massima di una prominenza che un fuoristrada è in grado di superare senza rimanere "sospeso" con il telaio sulla superficie convessa del terreno; in questo caso le ruote, dopo avere eroso il fondo della pista nel tentativo di far avanzare il mezzo, si ritrovano a girare a vuoto senza esercitare alcuna aderenza sul terreno. Chiarite le differenze peculiari sui vari tipi di veicoli, esaminiamo ora le principali regole che potremmo definire come "il codice di comportamento del fuoristradista", in base al quale sarà agevolata la comprensione dei temi specifici inerenti le tecniche di guida che verranno esposti nei prossimi capitoli.LABC DELLOFF-ROADIl fattore sicurezza costituisce una componente essenziale ogni qualvolta ci si trovi alla guida di un veicolo fuoristrada, sia nel caso della tranquilla escursione domenicale, sia nel corso dei raid più impegnativi attraverso giungle e deserti africani. Fondamentale si rivela quindi attenersi ad alcune regole essenziali, rappresentate da una serie di controlli da effettuare sulla vettura, da una corretta posizione di guida e dalla verifica del percorso. I principali controlli da effettuare, banali ma fondamentali, riguardano la pressione dei pneumatici (compresa la ruota di scorta) e il livello dei lubrificanti e di tutti i serbatoi (freni, frizione e servosterzo) contenenti liquidi.LABC DELLOFF-ROADAll'interno dell'abitacolo è invece opportuno fissare bene tutti quegli oggetti che potrebbero, con le sollecitazioni della marcia in fuoristrada, disperdersi per tutta la cabina se non perfettamente ancorati. Per quanto riguarda la posizione di guida è necessario che il sedile abbia un'inclinazione contenuta, in maniera che la schiena risulti in posizione abbastanza eretta (condizione ritenuta ottimale per assorbire eventuali micro-traumi provocati dagli scossoni nei tratti più accidentati); altrettanto importante è l'impugnatura del volante che deve essere afferrato (senza mai incrociare le braccia) in maniera tale che i pollici vengano appoggiati sul bordo e non all'interno della corona per evitare, nel caso degli immancabili contraccolpi, eventuali danni alle dita.LABC DELLOFF-ROADLa verifica del percorso si rivela di fondamentale importanza ai fini della sicurezza personale e della salvaguardia del veicolo. Prima di affrontare un passaggio impegnativo bisogna scendere dal veicolo e controllare da vicino i tratti più difficili, per valutare l'effettivo grado di difficoltà e per scegliere la rotta migliore per aggirare l'ostacolo o affrontarlo dalla migliore angolazione possibile. Una verifica obbligata se sul cofano è montata la ruota di scorta che, soprattutto nei percorsi in salita, ostacola sensibilmente la visibilità a breve raggio.Da quanto esposto finora emerge chiaramente che il fattore determinante per affrontare nel migliore dei modi la guida in fuoristrada è rappresentato da una buona dose di prudenza le cui regole, oltre a presupporre una discreta conoscenza del proprio veicolo e una certa consapevolezza delle capacità di guida personali, sono riassumibili in tre punti principali che riguardano la velocità, il tipo di ostacolo e il numero dei veicoli impegnati in un'escursione.LABC DELLOFF-ROADLa velocità dev'essere sempre moderata, senza lasciarsi sedurre dal tentativo di emulare le imprese dei protagonisti dei rally-marathon, ma adeguatamente sostenuta per evitare di ritrovarsi impantanati in una pozza di fango o al centro di un guado. Va sottolineato comunque che non esistono ostacoli che, a priori, possano essere considerati facili o difficili, ma ognuno di essi è sempre proporzionale alla propria esperienza e alla propria capacità di guida. La regola in questo caso è quella di evitare di strafare: anche l'abilità nella guida in fuoristrada, come in altre discipline, si acquisisce con la pratica e il tempo, per cui è necessario prendere confidenza gradatamente con il veicolo e con le più svariate condizioni di utilizzo, affrontando i percorsi più esasperati solo dopo aver acquisito una certa esperinza. A tale proposito si rivela determinante anche il numero dei veicoli impegnati nel corso di un'escursione: evitare di avventurarsi da soli lungo percorsi impegnativi, soprattutto se affrontati per la prima volta, ma viaggiare sempre in convogli di 2-3 vetture, affidando il ruolo di apripista (e la lettura del road-book) all'equipaggio più esperto.

 

 



Commenti

Non ci sono commenti

Inserisci un commento

I campi contrassegnati con " * " sono obbligatori