Siete qui:

  1. Home
  2. Attrazione AWD
  3. Anfibi
  4. ESCAPE FROM CUBA

ESCAPE FROM CUBA

| 01 gennaio 2009 18:51

Fuga da Cuba su mezzi anfibi

 

Dall'Avana a Miami su un camion anfibio

Fuga da Cuba su camion anfibioLe cronache italiane degli ultimi anni si sono occupate spesso di sbarchi di clandestini approdate lungo le coste della penisola da alcuni Paesi maghrebini e dalla vicina Albania. Quasi sempre a bordo di gommoni (pilotati dai famigerati "scafisti") o di fatiscenti imbarcazioni (definite le "carrette del mare"), al cui interno erano stivate decine di profughi ammassati come sardine; viaggiando in precarie condizioni igieniche e in grave stato di malnutrizione.
Questo triste fenomeno però si verifica anche dall'altra parte dell'oceano, come ad esempio nell'isola caraibica di Cuba dove i tentativi della popolazione di raggiungere le coste della Florida sono sempre più numerosi. Fuga da Cuba su camion anfibio In questo caso però i mezzi utilizzati per la fuga non sono sempre imbarcazioni, e il miraggio della libertà viene inseguito anche a bordo di automobili trasformati artigianalmente in veicoli anfibi. E non solo nell'ambito delle tradizionali vetture di fabbricazione americana degli anni Cinquanta e Sessanta, divenute da tempo le icone più rappresentative dell'isola, ma anche in quello dei mezzi più pesanti e spartani utilizzati nelle normali attività lavorative dei cubani. Tra i casi più eclatanti, uno dei più singolari per inventiva e coraggio risale alla primavera del 2005 quando un gruppo di esuli, partendo dalle coste cubane settentrionali,Fuga da Cuba su camion anfibio è riuscito a raggiungere Miami a bordo di un vecchio camion. Il veicolo in questione, un pick-up Chevrolet del 1951, si è trasformato in anfibio grazie all'ancoraggio su ogni fiancata di sei fusti di carburante (vuoti e sigillati) dalla capacità di 200 litri ciascuno, in grado di assicurare il galleggiamento al veicolo e all'equipaggio formato da nove persone; sulla parte anteriore era inserita inoltre una lamiera sagomata che veniva a formare una rudimentale carena, mentre nella parte posteriore era stato sistemato un motore fuoribordo da 40 cavalli.   

 



Commenti

Non ci sono commenti

Inserisci un commento

I campi contrassegnati con " * " sono obbligatori