Siete qui:

  1. Home
  2. Crossover
  3. COUNTRYMAN ALL4: La prima MINI AWD

COUNTRYMAN ALL4: La prima MINI AWD

| 15 settembre 2010 15:10

COUNTRYMAN ALL4: La prima MINI All Wheel Drive

 

Sviluppata sulla base dei prototipi Crossover Concept e Beachcomber Concept, COUNTRYMAN ALL4: La prima MINI a trazione integralela Coutryman si differenzia notevolmente dal resto della gamma (nella cui famiglia rappresenta la quarta variante) per l'adozione della trazione integrale e per la presenza delle quattro porte.  La denominazione ALL4 è inoltre sottolineata dal fatto che la Countyman è la prima Mini la cui lunghezza supera i quattro metri.  Dopo la presentazione in anteprima mondiale in occasione dell’ultima edizione del Salone di Ginevra, nel marzo scorso, la quarta variante della gamma Mini arriva finalmente sul mercato italiano, con il debutto nelleCOUNTRYMAN ALL4: La prima MINI a trazione integrale concessionarie svoltosi alla fine di settembre.  Nella sua qualità di crossover la Mini Countryman apre nuovi orizzonti nell’ambito della mobilità urbana, offrendo inoltre un’ampia versatilità di utilizzo anche nelle trasferte a medio e lungo raggio, grazie alle quattro porte e all’ampio portellone posteriore.  L’evoluzione più significativa rimane comunque l’adozione della trazione integrale permanente MINI ALL4 (disponibile a richiesta sui modelli Cooper S e Cooper D), basata su un differenziale centrale elettromagnetico montato direttamente dietro al differenziale posteriore.  Questo sistema di trazione ripartisce laCOUNTRYMAN ALL4: La prima MINI a trazione integrale coppia motrice in modo continuo tra l’asse anteriore e quello posteriore, distribuendo (in condizioni di marcia normali) fino al 50% della coppia alle ruote posteriori.  Su fondi a scarsissima aderenza questo valore aumenta proporzionalmente fino ad arrivare anche al 100%.  Ad esaltare ulteriormente la maneggevolezza e la proverbiale agilità della vettura, che anche nella versione Countruman mantiene inalterato il feeling go-kart tipicamente Mini, contribuiscono inoltre anche il sistema di controllo della stabilità (Dynamic Stability Control) e il controllo dinamico della trazione (Dynamic Traction Control; quest’ultimo è fornito di serie nella Mini Cooper S Countryman in entrambe le versioni (2WD e 4WD).

 

DESIGN & INTERNI

COUNTRYMAN ALL4: La prima MINI a trazione integraleIspirata al classico family look delle Mini di ultima generazione, la nuova Countryman rivela fin dal primo impatto un aspetto muscoloso e una linea aggressiva molto accattivante, sottolineata da alcuni particolari (come gli sbalzi ridotti, la linea alta di cintura e i voluminosi passaruota) che contribuisco inoltre ad esaltare l’assetto rialzato tipico dei crossover. L’abitacolo, dal classico cruscotto inconfondibile nel quale domina il tachimetro di generose dimensioni (che incorpora anche il navigatore satellitare) posizionato centralmente, offre una posizione di guida che assicura elevati livelli di ergonomia e comfort grazieCOUNTRYMAN ALL4: La prima MINI a trazione integrale alle molteplici funzioni dei sedili (regolabili anche in altezza).  Nella parte posteriore della nuova Countryman, in sintonia con la vocazione sportiva del veicolo, sono disponibili due sedili separati o, in alternativa (a richiesta e senza sovrapprezzo) un divanetto a tre posti.  I sedili posteriori si possono spostare singolarmente in direzione longitudinale o nel rapporto 60:40 nel caso del divanetto a tre posti; in quest’ultimo caso inoltre, è possibile ribaltare gli schienali totalmente o separatamente (nel rapporto 40:20:40) ottenendo in tal modo un considerevole aumento del volume del bagagliaio (la cui capacità passa da 350 a 1.170 litri). Le tinte della carrozzeria e i colori all’interno dell’abitacolo (ideati in esclusiva per questo modello), oltre ai sistemi audio e di navigazione di alta qualità, consentono innumerevoli possibilità di personalizzazione. Tra le novità di rilievo va segnalato inoltre un highlight nel settore dell’entertainment, rappresentato dalla proposta unica al mondo di Mini Connected che comprende una serie di funzioni molto sofisticate come la Webradio e Mission Control.

 

MOTORI

COUNTRYMAN ALL4: La prima MINI a trazione integraleAl momento del lancio sul mercato europeo la Mini Countryman viene proposta con cinque diversi propulsori (tre a benzina e due diesel).  La scelta dei modelli a benzina comprende l a Mini One Countryman (98 CV), la Mini Cooper Countryman (122 CV) e la Mini Cooper S Countryman (184 CV); quest’ultimo, con i suoi quattro cilindri da 1.6 lt, rappresenta il motore più efficiente al mondo nella sua classe di cilindrata.  I motori diesel sono disponibili sulla Mini One D Countryman (90 CV) e sulla Mini Cooper D Countryman (112 CV).  Tutti i motori sono conformi alle norme antinquinamento europee (Euro 5) e statunitensi (ULEV).

 

MINI Cooper S Countryman:

Motore quattro cilindri a benzina con turbocompressore Twin-Scroll, iniezione diretta di carburante e comando valvole integralmente variabile basato sulla tecnologia VALVETRONIC del BMW Group.COUNTRYMAN ALL4: La prima MINI AWD

-         Cilindrata: 1.598 cm3. Potenza: 184 CV a 5.500 giri/min

-         Coppia massima: 240 Nm a 1.600–5.000 g/min (260 Nm con overboost)

-         Accelerazione: da 0–100 km/h in 7,6 secondi

-         Velocità massima: 215 km/h

-         Consumo medio di carburante su base UE: 6,1 litri/100 chilometri

-         Valore di CO2: 143 gr/km

 

MINI Cooper Countryman:

Motore quattro cilindri a benzina con comando valvole integralmente variabile basato sulla tecnologia del BMW Group.COUNTRYMAN ALL4: La prima MINI AWD

-         Cilindrata: 1.598 cm3

-         Potenza: 122 CV a 6.000 g/min

-         Coppia massima: 160 Nm a 4.250 g/min

-         Accelerazione: da 0–100 km/h in 10,5 secondi

-         Velocità massima: 190 km/h

-         Consumo medio di carburante su base UE: 6,0 litri/100 chilometri,

-         Valore di CO2: 140 gr/km

 

MINI One Countryman:

Motore quattro cilindri a benzina con comando valvole integralmente variabile basato sulla tecnologia del BMW Group.COUNTRYMAN ALL4: La prima MINI a trazione integrale

-         Cilindrata: 1.598 cm3

-         Potenza: 98 CV a 6.000 g/min

-         Coppia massima: 153 Nm a 3.000 g/min 

-         Accelerazione: da 0–100 km/h in 11,9 secondi

-         Velocità massima: 173 km/h

-         Consumo medio di carburante su base UE: 6,0 litri/100 chilometri,

-         Valore di CO2: 139 gr/km

 

MINI Cooper D Countryman:

Motore quattro cilindri turbodiesel con basamento in alluminio, iniezione common-rail e geometria variabile della turbina.COUNTRYMAN ALL4: La prima MINI a trazione integrale

-         Cilindrata: 1.598 cm3

-         Potenza: 112 CV a 4.000 g/min

-         Coppia massima: 270 Nm a 1.750–2.250 g/min

-         Accelerazione; da  0–100 km/h in 10,9 secondi

-         Velocità massima: 185 km/h

-         Consumo medio di carburante su base UE: 4,4 litri/100 chilometri,

-         Valore di CO2: 115 gr/km

 

MINI One D Countryman:

Motore quattro cilindri turbodiesel con basamento in alluminio, iniezione common-rail e geometria variabile della turbina.COUNTRYMAN ALL4: La prima MINI a trazione integrale

-         Cilindrata: 1.598 cm3

-         Potenza: 90 CV a 4.000 g/min

-         Coppia massima: 215 Nm a 1.750–2.500 g/min

-         Accelerazione: da 0–100 km/h in 12,9 secondi

-         Velocità massima: 170 km/h

-         Consumo medio di carburante su base UE: 4,4 litri/100 chilometri

-         Valore di CO2: 115 gr/km

 

ON & OFF-ROAD

COUNTRYMAN ALL4: La prima MINI a trazione integraleNel corso della presentazione alla stampa italiana della nuova Mini Countryman, svoltasi nei giorni scorsi nella stupenda scenografia dolomitica del Gruppo del Sella abbiamo avuto modo di effettuare un lungo e affascinante itinerario (lungo circa 400 chilometri) seguendo le tracce del famoso percorso sciistico del “Giro dei 4 passi” scavalcando il Passo Gardena (2.121 mt), il Passo di Campolongo (1.875 mt), il  Passo Pordoi (2.239 mt) e il Passo Sella (2.240 mt).  Per il nostro primo test-drive della nuova Countryman abbiamo scelto la Cooper S ALL4, il modello al top di gamma equipaggiato con il potente motoreCOUNTRYMAN ALL4: La prima MINI a trazione integrale benzina di 1.6 litri che sviluppa una potenza di 184 cavalli.  La notevole coppia massima erogata (240 Nm), disponibile già a partire dai 1.700 giri, rivela subito il carattere sportivo e brillante della nuova Countryman che si inerpica sui tornanti dolomitici con notevole  agilità, evidenziando inoltre un handling sorprendente sia nei tratti in salita che lungo le vertiginose discese che collegano i vari passi del Gruppo del Sella.  Anche nelle curve più strette sembra quasi di viaggiare sui binari talmente la macchina è incollata alla strada, mentre il cambio a sei marce assicura in ogni situazione innesti rapidi e precisi.  RispettoCOUNTRYMAN ALL4: La prima MINI a trazione integrale alla versione a due ruote motrici l’accelerazione della Mini Cooper S Countryman ALL4 è di 7.9 secondi (8,3 con il cambio automatico), e la velocità massima raggiunge i 210 Kmh (205 con il c.  a.); i consumi si attestano sui 6.7 lt/100 km (7,7 c. a.) e le emissioni di C02 sono pari a 157 gr/km (180 gr/km c.a.).  Nel corso della nostra prova ci siamo spinti anche su qualche breve tratto sterrato lungo alcuni tracciati che portano alle piste di sci, dove la Countryman ha confermato un’altrettanto sbalorditiva motricità anche su fondi a scarsa aderenza, ma la contenuta altezza minima da terra impone comunque una certa prudenza quando lo sterrato presenta asperità o massi sporgenti sulla carreggiata.  Prima di rientrare al campo base nei pressi di Piz Sella, per effettuare un’ascensione in alta quota a bordo della funivia, ci concediamo un gradevole fuori programma per raggiungere la sommità del quinto passo, quello di Falzarego, situato a 2.117 metri di quota.

 

Dalla Woody alla Countryman

Il nome del quarto modello del marchio tiene ancora una volta conto delle radici storiche e delle origini britanniche della Mini. La  Countryman infatti (proprio come la Mini Clubman in precedenza) ricalca la tradizione delle antenate classiche basate sul concetto geniale di vettura compatta ideata da Sir Alec Issigonis,Sir ALEC ISSIGONIS alla presentazione stampa della MINI - 1959 l’ingegnere e progettista britannico di origine greca considerato il “padre” della Mini. Già nel 1960 era stata lanciata per la prima volta sul mercato con questa denominazione una variante particolarmente versatile della classic Mini. La Austin Seven Countryman (così come il modello gemello con le stesse caratteristiche tecnico-costruttive denominato Morris Mini-Traveller) offriva una versatilità estesa grazie ad un abitacolo più spazioso e flessibile. La variante di modello proposta fino al 1969, soprattutto nella versione nota come "Woody" rivestita con un telaio in legno Mini Woodysulle fiancate e nel portellone posteriore, è diventata un oggetto "cult" tuttora unico nel suo genere. La Mini Countryman viene prodotta da un partner di produzione austriaco del BMW Group, la Magna Steyr Fahrzeugtechnik di Graz. La produzione avviene su una linea di produzione autonoma installata e utilizzata in base ai rigidi standard del BMW Group. Come per tutti i modelli della marca, i propulsori a benzina per la MINI Countryman sono prodotti nella fabbrica di motori inglese di Hams Hall, che fa parte del cosiddetto MINI Production Triangle in Gran Bretagna. I nuovi propulsori diesel sono Mini Cooper Twini 4x4prodotti nel centro di sviluppo per i motori diesel più vasto del BMW Group, situato a Steyr nell'Austria settentrionale.  Per dovere di cronaca e, soprattutto, per rendere omaggio alla memoria di Alec Issigonis in occasione del lancio della prima Mini a trazione integrale entrata nella produzione di serie, dobbiamo ricordare che in realtà (proprio grazie al geniale progettista che realizzò la prima Mini) c’era già stata in passato una Mini 4x4.  Risale infatti al 1963 la prima realizzazione di un prototipo a trazione integrale allestito da Issigonis sulla mitica Moke; tale progetto, basato principalmente sull’adozione di un secondo motore sull’asse posteriore, verrà ripreso in seguito dal famoso pilota e costruttore John Cooper per la realizzazione della Mini Cooper Twini 4x4.



Commenti

Non ci sono commenti

Inserisci un commento

I campi contrassegnati con " * " sono obbligatori