Siete qui:

  1. Home
  2. Avventura
  3. Off-Road No-Limits
  4. ARCTIC TRUCKS: 4 Toyota Hi-Lux al Polo Sud

ARCTIC TRUCKS: 4 Toyota Hi-Lux al Polo Sud

| 27 dicembre 2010 16:09

ARCTIC TRUCKS: 4 TOYOTA Hi-Lux AL POLO SUD

 

Per gli appassionati delle imprese estremeARCTIC TRUCKS: 4 TOYOTA Hi-Lux AL POLO SUD realizzate a bordo di fuoristrada la Arctic Trucks è quasi un marchio di garanzia, il cui solo nome evoca immagini di straordinarie avventure in 4x4. La nota azienda islandese infatti, specializzata nella produzione di sofisticate elaborazioni di fuoristrada destinati ad affrontare le condizioni ambientali più proibitive presenti in ambienti polari, si dedica da molti anni alla realizzazione di raid "off-limits" nel corso dei quali l'affidabilità dei veicoli e la resistenza degli equipaggi viene testata al di là di ogni limite. Tra leARCTIC TRUCKS: 4 TOYOTA Hi-Lux AL POLO SUD spedizioni più importanti effettuate nel corso degli ultimi anni dal collaudato team della Arctic Trucks, vanno ricordate la prima traversata della Groenlandia, la prima ricognizione in Antartide, la spedizione al Polo Nord Geografico Magnetico, la seconda ricognizione in Antartide (nel corso della quale è stato raggiunto anche il Polo Sud) e la missione di studio sul vulcano islandese Eyjafjajokull, effettuata nel marzo scorso proprio nei giorni dell'eruzione. L'ultima impresa portata a termine con successo, ancora una volta a bordo dei pick-up Toyota Hi-Lux, si è svoltaARCTIC TRUCKS: 4 TOYOTA Hi-Lux AL POLO SUD nuovamente in Antartide tra la fine di novembre e la prima settimana di dicembre. I veicoli utilizzati nel corso della nuova avventura della Arctic Trucks hanno accompagnato i membri della Spedizione NCAOR (Centro Nazionale Indiano per la Ricerca Antartica ed Oceanica) impengnati in un programma di ricerche glaciologiche e nel lungo viaggio dalla Base di Mitri Antarctic fino al Polo Sud, hanno percorso complessivamente circa 4.600 chilometri tra andata e ritorno. Anche in questa occasione, come nelle precedenti spedizioni, i pick-up Hi-Lux non hanno subito alcun tipoARCTIC TRUCKS: 4 TOYOTA Hi-Lux AL POLO SUD di modifica per affrontare le proibitive condizioni climatiche del continente antartico (con temperature che scendono spesso anche al di sotto dei 50° sottozero e con altitudini prossime ai 3.500 metri di quota). Per quanto riguarda invece l'allestimento dei veicoli sono state apportate alcune modifiche, necessarie per consentire ai mezzi di svolgere alcune particolari operazioni (come l'adozione di una gru per movimentare i voluminosi fusti di gasolio catapultati dall'aereo nel corso del rifornimento di carburante) o per sopportare leARCTIC TRUCKS: 4 TOYOTA Hi-Lux AL POLO SUD esasperate condizioni climatiche (con l'integrazione di un potente sistema di riscaldamento supplementare), o per prevenire alcuni rischi ambientali basato su un dispositivo di rilevamento dei crepacci. Per sostenere adeguatamente i veicoli sul ghiaccio sono stati adottati pneumatici extra-large a bassissima pressione, mentre per quanto riguarda il carburante la scelta è caduta sul Jet-1 al quale è stato aggiunto uno speciale lubrificante in grado di consentire una alimentazione ottimale anche alleARCTIC TRUCKS: 4 TOYOTA Hi-Lux AL POLO SUD bassissime temperature antartiche. Il severo banco di prova affrontato dai pick-up Hi-Lux della Toyota si è rivelato inoltre particolarmente significativo se si tiene conto della elevata capacità di carico utile (1.500 Kg) rapportato alla massa totale del veicolo (2.200 Kg) e alla straordinaria capacità di traino (3.000 Kg); anche i consumi in queste condizioni sono stati particolarmente contenuti, con circa 50 litri ogni 100 chilometri, garantendo alla spedizione anche un risparmio sul carico da trasportare oltre che sui costi di carburante (in Antartide un barile può arrivare a costare fino a 10.000 dollari) e sul numero delle soste per il rifornimento (l'unica è stata effettuata a 1.500 chilometri dalla base di partenza dalla stazione antartica di Maitri.

 




Commenti

Non ci sono commenti

Inserisci un commento

I campi contrassegnati con " * " sono obbligatori