Siete qui:

  1. Home
  2. Storia del 4x4
  3. Land Rover Story
  4. CAPITOLO 63: CATALUNIA CHALLENGE (2003)

CAPITOLO 63: CATALUNIA CHALLENGE (2003)

| 29 ottobre 2011 12:11

CATALUNIA CHALLENGE

 

Nell’estate del 2003, nonostante fossero trascorsi solo alcuni mesi dalla conclusione del Land Rover G4 Challenge,CAPITOLO 63: CATALUNIA CHALLENGE l’eco di quella che viene considerata come la maggiore operazione di marketing degli ultimi anni, è ancora forte tra gli appassionati di off-road che già iniziano a sognare la prossima edizione. In attesa dell’appuntamento del 2005 (che in realtà slitterà di un anno per alcuni problemi organizzativi) la Land Rover ha pensato di proporre anche una speciale versione di alcuni veicoli, destinata ad una ristretta schiera di appassionati, con un allestimento esclusivo analogo in pratica a quello dei mezzi che hanno partecipato al G4 attraverso gli Stati Uniti, il Sudafrica e l’Australia.  In questa nuova gamma, denominata “G4 Limited Edition”, sono disponibili inizialmente solo il Defender e il Discovery.  Questi veicoli sono presentati alla stampa internazionale verso la fine di agosto nel corso del “Catalunia Challenge”, una interessante manifestazione svoltasi nei pressi di Barcellona durante la quale i giornalisti intervenuti hanno avuto la possibilità di assorbire per la prima volta da protagonisti le emozioni (e le fatiche) del G4, vivendo a contatto con alcuni dei protagonisti e partecipando direttamente alle varie prove fisiche sostenute dai concorrenti.  Teatro della manifestazione è stata la tenuta di “Les Comes”, un singolare complesso medievale situato alla periferia di Manresa (a circa 50 chilometri a nord di Barcellona) all’interno di uno straordinario habitat naturalistico esteso su una superficie diCAPITOLO 63: CATALUNIA CHALLENGE circa 250 ettari lungo i quali si snodano oltre 30 chilometri di piste e sterrati.  Costruita attorno al X secolo, è stata perfettamente restaurata nel pieno rispetto dello stile originale ed oggi, grazie a Pep Villa (direttore della struttura nonché veterano del Camel Trophy) costituisce uno dei centri spagnoli più noti agli appassionati di off-road.  Dopo il tradizionale briefing iniziale svolto da Niki Davies (responsabile del G4) i partecipanti ritirano l’attrezzatura necessaria per trascorrere la notte al campo (tra cui l’ormai famosa tenda ad igloo arancione) per disporsi ordinatamente in fila nella colonna dei veicoli che si avvia lungo il percorso di circa venti chilometri, molti dei quali immersiCAPITOLO 63: CATALUNIA CHALLENGE nel cuore della fitta macchia mediterranea.  Dopo un tratto iniziale di sterrato leggero, assai utile per prendere confidenza con la guida a destra dei veicoli, si affrontano le prime difficoltà rappresentate da alcune discese con pendenze da brivido e da una serie di passaggi in equilibrio su punti di fortuna formati da tronchi di legno.  A vegliare sulla sicurezza degli equipaggi e dei veicoli ci pensa come al solito Roger Crathorne (da oltre trent’anni coordinatore del settore off-road della Land Rover) che, nei passaggi più difficili, guida personalmente a piedi la carovana centimetro per centimetro.   Avanzando all’indietro davanti al veicolo, muove le mani come un direttore d’orchestra segnalando al pilota ogni minima variazione del terreno ed indicando con estrema precisione il punto dove mettere le ruote. CAPITOLO 63: CATALUNIA CHALLENGE Dal punto di vista fuoristradistico tutti i veicoli in allestimento “G4 Limited Edition” sono equipaggiati di controllo elettronico della trazione (grazie al quale hanno superato brillantemente il percorso estremamente duro e impegnativo allestito dagli organizzatori), e sono disponibili nei vivaci colori giallo Borrego e arancio Tangeri (quest’ultimo assai simile a quello delle vetture che hanno partecipato al G4 Challenge); completano le dotazioni dell’equipaggiamento di serie alcuni accessori (bull-bar, protezioni speciali, ruote in lega, ecc) che esaltano ulteriormente le collaudate peculiarità off-road dei veicoli Land Rover.




Commenti

Non ci sono commenti

Inserisci un commento

I campi contrassegnati con " * " sono obbligatori