Siete qui:

  1. Home
  2. Crossover
  3. Test Drive: Mitsubishi Outlander 2.2 4WD Instyle

Test Drive: Mitsubishi Outlander 2.2 4WD Instyle

Stefano Signori | 26 agosto 2013 01:26

Test  Drive:  Mitsubishi  Outlander  2.2  DI-D  4WD   Instyle

Ad undici anni dal debutto con oltre un milione di esemplari venduti, il Mitsubishi  Outlander ha affilato ulteriormente le sue armi, presentandosi sul finire del 2012 in una veste completamente rinnovata - E’ nata così la terza generazione di un crossover che, per stare al passo con i tempi, si è adeguato alle richieste della clientela smorzando in parte la sua vocazione off-road, per assumere una caratterizzazione ed un aspetto decisamente più urbano - La versione con cambio automatico, provata nel corso del nostro test-drive, amplia ulteriormente la gamma dei modelli disponibili.


Più basso di quattro centimetri, l’Outander di ultima generazione si distingue infatti per unTest  Drive:  Mitsubishi  Outlander  2.2  DI-D  4WD   Instyle look più elegante e per certi versi meno appariscente, che ha abbandonato lo sfacciato frontale in stile aeronautico sostituendolo con una sottile mascherina e rinunciato anche alle vistose protezioni sottoscocca, retaggio di un passato fuoristradistico, oggi ben camuffato sotto un’apparenza decisamente più borghese. Al top della rinnovata gamma Outlander spicca la versione 2.2 DI-D 4WD Instyle, che si affida ad un inedito propulsore turbodiesel ad iniezione diretta common rail interamente in alluminio, in grado di sviluppare una potenza di 150 cavalli ed una coppia massima di  360 Nm ad un range compreso tra i 1.500 ed i 2.750 giri. Ad accrescere il piacere di guida di questa versione provvede efficacemente anche il nuovo cambio automatico a 6 marce denominato INVECS-II, che èTest  Drive:  Mitsubishi  Outlander  2.2  DI-D  4WD   Instyle offerto con un sovrapprezzo di 1.750 euro. Oltre che nella classica modalità “automatica” questa inedita trasmissione  può essere utilizzata anche in funzione sequenziale tramite gli appositi paddle al volante. Dotato di convertitore idraulico di coppia, il nuovo cambio INVECS-II assicura passaggi di marcia molto dolci e si adatta ad una più ampia platea di utenti, rispetto alla presedente trasmissione automatica a doppia frizione “TC-SST” dalle caratteristiche decisamente più sportive. Dal punto di vista strettamente prestazionale, la versione 2.2 DI-D 4WD Instyle automatica “paga” il maggior comfort di guida, con prestazioni meno brillanti e consumi di poco superiori all’analogo modello dotato di cambio manuale. La velocità massima scende infatti da 200 a 190 km/h, mentre l’accelerazione da 0 a 100 km/h richiede 11,7 secondi contro i 10,2Test  Drive:  Mitsubishi  Outlander  2.2  DI-D  4WD   Instyle della versione “manuale”. La presenza del cambio automatico e la mancanza del dispositivo Stop&Go non disponibile sull’Otulander  con cambio automatico, comporta anche un lieve  aumento dei consumi, che si attestano in media a 5,8 litri/100 km (5,3 litri/km manuale). Differenze minime, che vengono ampiamente ripagate dall’accresciuta piacevolezza di guida offerta dal cambio automatico.

 

 

TRAZIONE  4X4

Test  Drive:  Mitsubishi  Outlander  2.2  DI-D  4WD   Instyle Il nuovo Outlander ha portato al debutto l’inedito sistema di trazione integrale permanente “Muli-Select”, concepito per migliorare la stabilità, la motricità, il risparmio di carburante e la riduzione delle emissioni.  Per meglio  adattarsi alle differenti condizioni di guida, il nuovo sistema “Multi-Select” prevede tre modalità d’utilizzo, che il conducente può selezionare facilmente tramite l’apposito pulsante posto sulla console centrale. Le tre opzioni disponibili sono: 4WD ECO  per muovesi su strade asfaltate che invia la coppia motrice quasi totalmente all’avantreno; 4WD AUTO  da preferirsi sul bagnato o su fondi innevati che distribuisce automaticamente la potenza su entrambi gli assi; 4WD LOCK per ottenere la massima motricità sui fondi più accidentati.

 

VERSIONI  &  PREZZI

Test  Drive:  Mitsubishi  Outlander  2.2  DI-D  4WD   Instyle Disponibile sia con trazione anteriore 2WD che integrale 4WD, l’Outlander di terza generazione può contare su una  gamma composta da 7 versioni, con  motorizzazioni turbodiesel  (2.2 DI-D da 150 CV) e benzina  (2.0 MIVEC da 150 CV), quest’ultima anche in versione  Bi-Fuel benzina-GPL. I modelli 2.2 DI-D offerti di serie con cambio manuale a 6 marce, possono montare a richiesta una trasmissione automatica INVECS-II a  6 rapporti, mentre le versioni 2.0 MIVEC  a benzina sono equipaggiate con cambio manuale a 5 marce (2WD) o con trasmissione CVT a 6 marce (4WD).

 

Questi sono i prezzi su strada:Test  Drive:  Mitsubishi  Outlander  2.2  DI-D  4WD   Instyle


OUTLANDER 2.0 MIVEC 2WD INTENSE  -  € 27.750
OUTLANDER 2.0 MIVEC 4WD INTENSE  -  € 31.500
OUTLANDER 2.0 2WD BI-FUEL INTENSE - € 29.750
OUTLANDER 2.0 4WD BI-FUEL INTENSE - € 33.500
OUTLANDER 2.2 DI-D 2WD INTENSE  -  € 29.750
OUTLANDER 2.2 DI-D 4WD INTENSE  -  € 31.750
OUTLANDER 2.2 DI-D 4WD INSTYLE € 33.750

 

EQUIPAGGIAMENTO  ACCESSORISTICO

Test  Drive:  Mitsubishi  Outlander  2.2  DI-D  4WD   Instyle Di serie: airbag frontali, laterali ed a tendina, ABS con EBD, climatizzatore automatico bi-zona,  impianto Premium Audio Rockford (9 altoparlanti, 710W) con CD, MP3 e comandi al volante, fendinebbia, specchietti regolabili e riscaldabili elettricamente, controllo elettronico della stabilità MASC e della trazione MATC, cerchi in lega leggera da 18”, cruise control, fari allo xeno, Hill Start Assist, vetri posteriori oscurati, barre portatutto sul tetto.

Optional: Diamont Pack (4.950 euro), cambio automatico a 6 marce INVECTS-II (1.750 euro), vernice metallizzata (700 euro). Il Diamont Pack comprendente tra l’altro, gli interni in pelle, il sedile di guida regolabile elettricamente, il tetto apribile elettricamente, il navigatore satellitare, il portellone posteriore apribile elettricamente l’Adaptive Cruise Control e il Lane Departure Warning LDV. 

 

ON  ROAD 

Test  Drive:  Mitsubishi  Outlander  2.2  DI-D  4WD   Instyle Sviluppato per offrire un’eccellente versatilità d’utilizzo su qualsiasi percorso, l’Outlander di terza generazione dà prova della sua maturità evidenziando notevoli migliorie proprio a cominciare dal comportamento stradale. Grazie infatti ai notevoli progressi apportati alle sospensioni, in grado di filtrare meglio le imperfezioni dell’asfalto ed all’adozione di uno sterzo che, dotato ora di servoassistenza, elettrica risulta più preciso e rapido nell’eseguire le traiettorie impostate, condurre la sport-utility giapponese diventa senza dubbio più rilassante e divertente. Sensazione ancor di più evidente se si opta per il cambio automatico INVECTS-II che offerto a richiesta (1.750 euro), rende la guida  meno stressante ed impegnativa, soprattutto in città e sui percorsi extraurbani più trafficati. Con un’impostazione decisamente più turistica, rispetto alla precedente trasmissione automatica “TC-SST” a doppia frizione  ereditata dalla Lancer Evolution, il nuovo cambio automatico a 6 marce proposto sull’Outlander favorisce una conduzione  tranquilla e penalizza, almeno in parte, la guida sportiva. I ssaggi di marcia sono infatti piuttosto lenti sia nell’utilizzo “automatico”, sia in quello “sequenziale” tramite gli appositi paddle al volante, che consentono comunque una migliore gestione della potenza a disposizione, per favorire accelerazioni e riprese più consistenti. Potenza che viene erogata con notevole brillantezza dal generoso turbodiesel di 2.2 litri da 150 cavalli ad iniezione diretta common rail, ben sfruttabile come dimostra efficacemente anche la ragguardevole coppia motrice, che mantiene il valore massimo di 360 Nm in un range compreso tra i 1.500 ed i 2.750 giri.  

 

OFF-ROAD 

Test  Drive:  Mitsubishi  Outlander  2.2  DI-D  4WD   Instyle Sport-utility estremamente versatile che, pur senza vantare le prestazioni off-road specialistiche proprie dei veri fuoristrada, evidenzia comunque una buona propensione all’utilizzo su terreni accidentati, l’Outlander di ultima generazione non tradisce la grande tradizione Mitsubishi in questo campo. Dagli sterrati meno impegnativi ai fondi di una certa difficoltà affrontati con le dovute cautele, il SUV nipponico non delude e fa valere le sue apprezzate doti di robustezza, che trovano validi alleati nella notevole altezza da terra, nel buon lavoro svolto dalle sospensioni e nell’eccellente motricità garantita dal valido sistema di trazione integrale “Multi-Select”, che per assicurare la migliore trazione sui terreni più sconnessi, dispone della funzione 4WD LOCK. Dotato del pratico dispositivo per agevolare le ripartenze in salita Hill Strt Assist, l’Outlander 2.2 DI-D 4WD con cambio automatico può anche contare sulla speciale funzione “Low”, che bloccando la selezione delle marce  alla prima-seconda, permette di affrontare in tutta sicurezza salite e discese molto ripide.    

 

LA  TECNICA  IN  SINTESI

Test  Drive:  Mitsubishi  Outlander  2.2  DI-D  4WD   Instyle Telaio: scocca portante, 5 porte, 7 posti
Motore: anteriore trasversale, 4 cilindri in linea, ciclo Diesel
Cilindrata: 2.268 cc
Potenza max: 110 KW (150 CV) a 3.500 giri
Coppia max: 360 Nm a 1.500 giri
Distribuzione: bialbero, 16 valvole
Alimentazione: forzata con turbocompressore, intercooler, iniezione diretta common rail
Dimensioni: lunghezza 4.655 mm, larghezza 1.800,altezza 1.680, passo 2.670, carreggiate 1.540/1.540
Peso a vuoto: 1.610 kgTest  Drive:  Mitsubishi  Outlander  2.2  DI-D  4WD   Instyle
Serbatoio: 60 litri
Sospensioni anteriori: indipendenti, schema MacPherson
Sospensioni posteriori: indipendenti, multilink
Pneumatici: 225/55 R18
Freni: anteriori a disco autoventilanti, posteriori a disco, ABS, EBD
Cambio: automatico a 6 marce
Sterzo: a cremagliera con idroguida
Angolo di attacco: 22°
Angolo di dosso: 21°
Angolo di uscita: 22°
Altezza da terra: 190 mm
Diametro di svolta: 10,6 m
Velocità massima: 190 km/h
Accelerazione da 0 a 100 km/h: 11,7 sec
Emissioni medie di CO2: 153 gr/km

Consumi
Percorso urbano: 7,1 litri/100 km
Percorso extraurbano: 5,1 litri/100 km
Percorso misto: 5,8 litri/100 km

 



Commenti

Non ci sono commenti

Inserisci un commento

I campi contrassegnati con " * " sono obbligatori