Siete qui:

  1. Home
  2. PROVE E DINTORNI
  3. ANNIVERSARY
  4. 1979-2009: 30° ANNIVERSARIO DELLA CLASSE G

1979-2009: 30░ ANNIVERSARIO DELLA CLASSE G

| 31 dicembre 2009 00:52

1989-2009: 30° ANNIVERSARIO DELLA CLASSE G

 

Arrivata  sul  mercato  nella  primavera  del  1979, la  Classe G  della  Mercedes  festeggia  quest'anno  i  primi  30  anni  di  produzione, nel  corso  dei  quali  sono  stati  venduti  circa  200.000  veicoli  in  tutto  il  mondo.  L'elevato  standard  qualitativo  abbinato  ad  una  straordinaria  versatilità  di  utilizzo, sia  su  strada  che  nell'off-road  più  esasperato, costituiscono ancora  oggi  i  suoi  maggiori  punti  di  forza.

 

Considerati fino agli inizi degli anni Settanta come dei veicoli rudi e spartani che, seppur in grado di affrontare giungle e deserti, non assicuravano il benché minimo confort sulle normali strade asfaltate, né raggiungevano la velocità di una berlina o addirittura (come accade oggi) di una granturismo, i fuoristrada sono stati quasi sempre relegati nell'ambito dei veicoli da lavoro.1979-2009: 30° ANNIVERSARIO DELLA CLASSE GCon l'avvento di alcuni innovativi modelli della produzione inglese e giapponese, i fuoristrada compiono in questo periodo (in attesa del boom conseguente allo "sdoganamento" della categoria, avvenuto in epoca più recente grazie all'arrivo dei SUV) il primo grande salto di qualità che, nel corso degli anni successivi, ridurrà progressivamente le distanze dagli standard qualitativi e dalle prestazioni dei veicoli alto di gamma. Grazie anche all'arrivo nel settore di alcune importanti costruttori europei fino ad allora assenti nel mercato dei 4x4.  Anche la Daimler-Benz stava seriamente prendendo in seria considerazione l'idea di tornare in grande stile nel mondo dei fuoristrada, dopo l'esordio degli anni Venti con la gloriosa G1. 1979-2009: 30° ANNIVERSARIO DELLA CLASSE GTutto nacque dal naufragio di un ambizioso progetto, denominato "Programma Jeep-Europe", che si proponeva di dotare tutte le forze armate del Vecchio Continente (ed in particolar modo le truppe della Nato) con un 4x4 che, oltre ad essere particolarmente versatile in qualsiasi condizione d'utilizzo, anfibio ed aviotrasportabile, fosse anche sviluppato in un progetto comune affidato a tutti i Paesi della Nato. Il fallimento dell'iniziativa indusse la Casa di Stoccarda (era il 1972) a prendere la decisione di avventurarsi nella realizzazione di un nuovo fuoristrada e il primo passo, in linea con il pragmatismo dei tecnici Mercedes, fu quello di passare al setaccio l'intera produzione allora disponibile valutando al tempo stesso le esigenze e le richieste della clientela, sia civile che militare.1979-2009: 30° ANNIVERSARIO DELLA CLASSE GVenne individuato nel Land Rover 88 il veicolo più adatto a superare la maggior parte delle situazioni di guida off-road e, mediante un'attenta analisi, vennero sottolineati quei parametri che, secondo la Mercedes, potevano essere ulteriormente perfezionati.Il nuovo veicolo, riprendendo la denominazione degli anni Quaranta, venne battezzato semplicemente Gelandewagen (in tedesco significa "vettura fuoristrada") e in base alla più severe specifiche militari richieste dalle forze armate europee doveva soddisfare alcune esigenze molto particolari e tra queste era prevista una garanzia di almeno 25 anni contro la corrosione (sia per la carrozzeria che per il telaio), mentre per una valutazione attendibile della resistenza meccanica il veicolo avrebbe dovuto superare un test di 15.000 chilometri percorsi a pieno carico in condizioni di guida off-road particolarmente impegnative.1979-2009: 30° ANNIVERSARIO DELLA CLASSE GNel bienno 1975-76 vennero allestiti i primi prototipi della Mercedes G 230, equipaggiati con un motore a benzina a quattro cilindri (2.307 cc, 102 CV) ed iniziarono i severi collaudi indispensabili per superare le rigide normative di accettazione militare. Per quanto riguarda invece la strategia commerciale, la Mercedes preferì avviare la produzione della serie Gelandewagen in un nuovo stabilimento, appositamente costruito a Graz, in Austria; questa struttura, nelle intenzioni della Casa di Stoccarda, doveva assicurare una produzione che, seppur quantitativamente contenuta, fosse in grado di garantire un elevato standard qualitativo (parametro che ancora oggi, grazie alle numerose operazioni di assemblaggio effettuate quasi tutte a mano, costituisce uno dei punti di forza dell'intera gamma Mercedes).1979-2009: 30° ANNIVERSARIO DELLA CLASSE GTra il 1977 e il 1978 lo stabilimento Steyr-Daimler-Puch di Graz venne ulteriormente ampliato e l'anno successivo la Mercedes G era pronta per il debutto. Alla G 230 si affiancò ben presto un'altra versione a benzina con alimentazione ad iniezione (la GE 280, 2.746 cc, 156 CV) e due a gasolio; queste ultime, denominate GD 240 e GD 300, erano inoltre disponibili sia a 4 (2.399 cc, 72 CV) che a 6 cilindri (2.998 cc, 88 CV). Il sistema di trazione integrale è ancora del tipo inseribile (sull'asse anteriore) e prevedeva un riduttore a due rapporti sincronizzati, con cambio a 4 velocità abbinato alla possibilità di bloccare entrambi i differenziali. Dopo un continuo processo di miglioramento e perfezionamento nel corso dei primi dieci anni, nell'autunno del 1989 venne presa una decisione estremamente importante: estendere la gamma "G".1979-2009: 30° ANNIVERSARIO DELLA CLASSE G Oltre al modello originario, rielaborato con la sigla costruttiva interna 460, che da allora in poi sarebbe stato destinato prevalentemente ad un utilizzo professionale, la gamma venne arricchita con i modelli denominati 463. Con una nuova trazione integrale permanente, bloccaggi del differenziale sull'asse anteriore e posteriore, adesso compresi nella dotazione di serie, nonché un differenziale centrale bloccabile al 100%, questo fuoristrada fissava nuovi parametri di riferimento dal punto di vista tecnico. A tutto ciò si aggiungeva l'ABS, disponibile a richiesta. Gli allestimenti, completamente rinnovati, si distinguevano per un maggiore comfort dei sedili, rivestimenti interni migliorati, consolle centrale, una nuova plancia portastrumenti ed inserti in legno pregiato.

 

DALLE "ALI DI GABBIANO ALLA PAPAMOBILE

Nel corso della sua lunga e fortunata carriera, la Classe G, oltre ai modelli della normale produzione di serie, è stata presentata in numerose ed interessante elaborazioni appositamente realizzate per soddisfare le richieste più particolari ed esclusive.1979-2009: 30° ANNIVERSARIO DELLA CLASSE G
Tra queste, oltre alle sportivissime elaborazioni realizzate dalla Brabus (come quella equipaggiata con il motore V12 di 6.0 litri) ricordiamo le numerose versioni in allestimento speciale, tra cui una realizzazione anfibia (che in realtà si muoveva in acqua grazie all'adozione di alcuni galleggianti), una versione a tre assi (sia per il lavoro che per il tempo libero) e una con apertura delle portiere ad "ala di gabbiano".1979-2009: 30° ANNIVERSARIO DELLA CLASSE G Ma la versione più prestigiosa della G Class nell'ambito delle elaborazioni speciali è rappresentata senz'altro dalla "Popemobile", un veicolo speciale realizzato per gli spostamenti del Papa nel corso dei suoi innumerevoli viaggi intorno al mondo; questa speciale versione, realizzata nel 1980, venne donata al Papa nello stesso anno in occasione del suo primo viaggio in Germania.

 

 

VERSIONI SPECIALI: DAL PLEIN-AIR ALLA DAKAR

Numerose anche le versioni riservate all'utilizzo nel settore del plein-air, con alcune interessanti elaborazioni realizzate sia mediante l'adozione della tradizionale cellula abitativa fissata sulle versioni pick-up, che tramite radicali trasformazioni della scocca (trasformata in pratica in un piccolo camper e dotata di tetto estraibile a compasso con pareti di tela); in questo ambito inoltre, grazie alla notevole scorta di cavalli fornita dalle motorizzazioni più potenti, la Classe G è stata utilizzata (sempre in versione pick-up) per il traino di alcuni modelli di caravan americane di grosse dimensioni. 1979-2009: 30° ANNIVERSARIO DELLA CLASSE G
Altrettanto numerosi sono inoltre i raid sahariani ed intercontinentali effettuati dai maggiori globetrotter internazionali a bordo della Classe G e, tra questi, uno dei viaggi più affascinanti e impegnativi è senz'altro quello intrapreso dall'equipaggio tedesco formato da Gunther W. Holtorf e Christine U. Bohme. Questi irriducibili offroader sono partiti nel 1990 a bordo di un fuoristrada 300 GD per la spedizione "Round the World", per effettuare un lunghissimo giro del mondo (che si concluderà nel 2007) attraverso tutti e cinque i continenti; fino allo scorso aprile il loro fuoristrada aveva percorso 414.000 chilometri.

 

LA GAMMA ATTUALE

Attualmente, la gamma Classe G comprende tre varianti di carrozzeria (Station-Wagon corta, Station-Wagon lunga, Cabrio) che possono essere abbinate con il parsimonioso motore diesel V6 CDI da 224 CV e 540 Nm oppure con un potente V8 a benzina da 5,5 litri che eroga 388 CV e 530 Nm. 1979-2009: 30° ANNIVERSARIO DELLA CLASSE GIl modello di punta G 55 AMG, disponibile esclusivamente in versione Station-Wagon lunga a quattro porte, è dotato di un V8 KOMPRESSOR da /507 CV con un'impressionante coppia massima di 700 Nm. Questo propulsore assicura prestazioni particolarmente brillanti che, unite all'inconfondibile sound AMG, accentuano il carattere particolarmente sportivo di questa versione. Da sottolineare inoltre il ruolo fondamentale svolto nella gamma di modelli dalla versione blindata G Guard, realizzata sulla base della G 500 Station-Wagon lunga; questo fuoristrada, completamente blindato ed omologato secondo la classe di protezione B6 o B7 effettiva, protegge dalle armi da fuoco portatili e militari, come pure da alcune tipologie di esplosivi.

 

CLASSE G EDITION 30: UN'EDIZIONE SPECIALE PER L'ANNIVERSARIO

Con il modello speciale EDITION30 (disponibile dal mese scorso sul mercato italiano) basato sulla Serie G 463, 1979-2009: 30° ANNIVERSARIO DELLA CLASSE GMercedes-Benz conferma tutte le potenzialità della Classe G in termini di comfort e prestigio. Il modello speciale, disponibile su base G 500 Station-Wagon lunga, si distingue per la carrozzeria verniciata in nero platino designo, cerchi in lega con uno speciale design e logo EDITION30 sui parafanghi. Negli interni spiccano i rivestimenti in pelle designo nella tinta "chablis" e gli inserti designo in legno di pioppo antracite. Anche nel corso del 2008 inoltre, nonostante la crisi generale, la Classe G si è affermata con successo in tutto il mondo ed attualmente la Casa di Stoccarda non prevede di scrivere la parola fine a questa storia di successi che dura da più di tre decenni. A tale proposito il Dr. Dieter Zetsche, Presidente del Consiglio Direttivo di Daimler AG, ha dichiarato che "In trent'anni abbiamo venduto 200.000 esemplari della 'G'. Questa vettura oggi ha più successo che mai, i clienti ne sono sempre più entusiasti e chissà, forse tra dieci anni festeggeremo un altro compleanno come questo".

 



Commenti

Non ci sono commenti

Inserisci un commento

I campi contrassegnati con " * " sono obbligatori