Siete qui:

  1. Home
  2. 4x4 stradali
  3. Volkswagen Arteon: Cruise Control Adattivo (3)

Volkswagen Arteon: Cruise Control Adattivo (3)

volkswagen arteon, stradali 4x4 | 19 maggio 2017 15:30

Volkswagen Arteon: Cruise Control Adattivo ACC (3)

Per la prima volta, l’ACC della Arteon è in grado di tenere in considerazione limiti di velocità e curve - Il sistema predittivo di assistenza utilizza una telecamera e il navigatore

 

Volkswagen Arteon, atto 3° sui sistemi di sicurezza attivi. Dopo il comunicato sull’Emergency Assist 2.0 e quello sul Pre Crash, la Volkswagen ha diffuso una nuova nota dedicata stavolta al Cruise Control Adattivo (ACC). La Volkswagen Arteon è una granturismo, pensata per i lunghi viaggi: situazioni ideali in cui il nuovo cruise control adattivo ACC con controllo predittivo della velocità (di serie su tutta la gamma italiana) migliora il comfort di guida, grazie ai più recenti progressi che integrano per la prima volta i limiti di velocità. Fino a pochi anni fa, questo sistema di assistenza era conosciuto semplicemente come cruise control: si trattava di regolare la velocità desiderata, tutto qui. A questo, l’ACC ha aggiunto la possibilità di prendere il controllo di freni e acceleratore. Tuttavia, molti di coloro che hanno guidato un’auto dotata di ACC si sono chiesti almeno una volta se un giorno il sistema sarebbe arrivato a “pensare” e quindi a tenere anche in considerazione le curve e i limiti di velocità, offrendo così ancora più comfort e sicurezza. La Arteon è la prima Volkswagen che fa esattamente questo: entro i limiti del sistema, è in grado di reagire alle curve e ai limiti di velocità, integrandoli nella regolazione adattiva della velocità.

 

Sensore radar e telecamera

Il nuovo ACC della Arteon utilizza il sensore radar per il mantenimento della velocità, una telecamera nel parabrezza e le indicazioni sull’itinerario fornite dal sistema di navigazione. Attraverso la telecamera e il riconoscimento della segnaletica stradale associato, la Arteon è in grado di “vedere” i limiti di velocità, cui l’ACC si adegua. Le informazioni sull’itinerario possono persino essere inoltrate in modo predittivo al navigatore. Questo “assistente alla velocità” rappresenta un passo avanti nel comfort di guida, in particolare nei tratti autostradali o nei lunghi viaggi su strade dove i limiti di velocità cambiano di continuo. Allo stesso tempo, è attivo un “assistente alle curve”: utilizzando le informazioni relative al percorso fornite dal navigatore, l’auto è in grado (entro i limiti del sistema) di riconoscere la sua posizione e regolare la velocità in prossimità di curve, rotonde e incroci. Possono essere riconosciuti anche segnali che indicano entrate o uscite. L’ACC integra inoltre il sistema di controllo perimetrale Front Assist con funzione di frenata di emergenza City. In combinazione con il cambio automatico a doppia frizione DSG, l’ACC permette alla Arteon persino di ripartire da sola: per esempio, nel traffico “a singhiozzo”.

 

Attivo da 0 e 210 km/h

In presenza del DSG, l’ACC è attivo a velocità comprese tra 0 e 210 km/h. Da 30 km/h, l’ACC è in grado di mantenere costantemente la velocità desiderata. Grazie al sistema di controllo della velocità predittivo, l’ACC di nuova generazione migliora il comfort di guida e contribuisce a ridurre i consumi, grazie alle funzioni predittive di frenata e accelerazione.

In conclusione: il cruise control adattivo ACC con controllo predittivo di velocità può assistere il guidatore, entro i limiti del sistema. Chi è al volante, tuttavia, deve mantenere in ogni momento il controllo complessivo dell’auto e della situazione. Questo dispositivo semi-automatico può essere disabilitato in qualsiasi momento spegnendolo, oppure premendo il freno o l’acceleratore.

 



Commenti

Non ci sono commenti

Inserisci un commento

I campi contrassegnati con " * " sono obbligatori