Siete qui:

  1. Home
  2. Attrazione AWD
  3. CuriositÓ
  4. Papa Francesco sulla papamobile a San Pietro

Papa Francesco sulla papamobile a San Pietro

| 19 marzo 2013 19:08

Papa Francesco sulla papamobile in piazza San Pietro

 

Oggi, 19 marzo 2013, è una data storica che segna l'inaugurazione del papatoPapa Francesco sulla papamobile in piazza San Pietro del nuovo pontefice Papa Francesco.  Battezzata dai media con il neologismo di "intronizzazione", la cerimonia della messa inaugurale del nuovo pontificato è stata seguita da migliaia di fedeli giunti da ogni parte del mondo e da miliardi di persone attraverso le maggiori reti televisive. Anche in questa occasione Papa Francesco ha confermato quello stile semplice e fuori da ogni forma di protocollo, continuando a rompere gli schemi e a stravolgere le gerarchie.  Uno stile personalissimo che ha caratterizzato la sua immagine fin dalle prime parole pronunciate dopo la sua nomina, a cominciare da quel "buonasera" dal balcone di San Pietro, seguito dall'altrettanto insolito "buon pranzo" a conclusione del suo primo Angelus di domenica scorsa. Anche la scelta del veicolo è caduta sulla papamobile scoperta (unaPapa Francesco sulla papamobile in piazza San Pietro Mercedes Classe G) invece che sul modello a carrozzeria chiusa dotata di hard-top e vetri blindati.  Nel corso del suo breve itinerario attraverso piazza San Pietro, il pontefice ha salutato le migliaia di fedeli assiepati in ogni angolo della piazza e, dopo aver fatto fermare la papamobile, è sceso dall'auto per andare a salutare un disabile al quale ha rivolto un segno di conforto.  Un gesto di grande umanità, ma decisamente insolito per un pontefice nel corso di una manifestazione così importante (132 delegazioni guidate da capi di stato e di governo di tutto il mondo e 200.000 persone presenti).   Al termine della messa di inaugurazione del pontificato Papa Francesco ha diffuso un tweet nel quale ha sottolineato che "Il vero potere è il servizio.  Il Papa deve servire tutti, specie i più poveri, i più deboli, i più piccoli".

 

 



Commenti

Non ci sono commenti

Inserisci un commento

I campi contrassegnati con " * " sono obbligatori