Siete qui:

  1. Home
  2. AttualitÓ
  3. Sport
  4. Silk Way Rally 2017: Domenica di riposo

Silk Way Rally 2017: Domenica di riposo

Giorgio Rosato | 17 luglio 2017 00:26

Silk Way Rally 2017: Domenica di riposo

Con l’arrivo a Urümqi, capitale della regione autonoma dello Xinjiang, la carovana del Silk Way Rally 2017 si posiziona nel vasto Exhibition Centre che diventerà per due giorni il quartier generale della manifestazione e teatro della giornata di riposo di domenica.

 

Per molti piloti la giornata di ieri ha offerto la possibilità di concedersi una pausa,Silk Way Rally 2017: Domenica di riposo ma al bivacco gli organizzatori e i meccanici hanno lavorato intensamente, mentre gli equipaggi e i team in gara hanno impostato le strategie per la seconda settimana. Nel bivacco di Urümqi le squadre dei maggiori team, grazie ai grandi mezzi a disposizione, hanno potuto dedicarsi a verifiche e controlli accuratissimi, mentre la categoria degli “amatori” (dotata di minori risorse) si è limitata ad effettuare quelle riparazioni e quei controlli ritenuti indispensabili per assicurarsi che il veicolo abbia la possibilità di arrivare fino alla conclusione della gara. Nella prima settimana del Silk Way Rally 2017, i concorrenti hanno percorso finora quasi 5.600 chilometri e con altri 4.000 ancora da effettuare tutto può succedere... Xi'An è ancora lontana.

 

Tre domande a Luc Alphand: “Tutto sarà deciso nelle dune

Silk Way Rally 2017: Domenica di riposo1) Come è andata questa prima settimana del Silk Way Rally 2017 dal punto di vista sportivo?

Innanzitutto vorrei sottolineare il fatto che, nonostante le condizioni meteorologiche difficili, abbiamo percorso ogni chilometro del percorso programmato, sia in Russia che in Kazakisthan. Sportivamente abbiamo avuto una dura battaglia. Nelle auto il dominio della Peugeot è stata confermato. La lotta all'interno della squadra è stata decisa dall'incidente di Stéphane Peterhansel, quasi nello stesso posto dello scorso anno. E poi Loeb e Elena hanno mostrato di aver compiuto notevoli progressi negli ultimi 12 mesi. La differenza tra le automobili è principalmente nello sviluppo dei pneumatici, come dimostrano i 4x4 lasciati dietro dai buggy in questa zona. Nei camion abbiamo visto che i rivali di Kamaz hanno avuto l'intelligenza di aspettare le tappe più impegnative del deserto prima di attaccare”.

2) Che cosa possono aspettarsi i concorrenti nella seconda settimana che li porterà a Xi'An?

Entreremo in un vero e proprio rally-raid con le prime dune da domani mattina. A parte due stadi di transizione, senza grandi passaggi di dune, ogni giorno ci sarà tanta sabbia e tante dune, con due tappe enormi nel deserto Gobi. In una settimana i concorrenti incontreranno tutti le tipologie di terreno che gli appassionati di questa disciplina amano. Il punto forte sarà senza dubbio giovedì, tra Jiayuguan e Alxa Youqi. La tappa del giorno dopo a Zhongwei sarà la più interessante per il paesaggio, anche se non è così difficile”.

3) Chi sono i favoriti per la vittoria finale nelle categorie delle auto e dei camion?

Nelle vetture sono stato particolarmente impressionato dai migliori piloti cinesi. Sono stati davvero competitivi e ora stiamo arrivando sul loro terreno di casa. Potrei facilmente vedere uno di loro vincere una speciale. Per quanto riguarda la classifica generale, Sébastien Loeb ha il doppio vantaggio di essere un'ora davanti a Despres e avere l'ultima versione della vettura, che sarà ancora più utile sul terreno che i concorrenti incontreranno nella prossima settimana. E come Despres, anche Loeb potrà beneficiare di una rapida assistenza fornita ai top driver come loro e Peterhansel. Nei camion avrei scommesso naturalmente sul Kamaz. Il mio preferito è Anton Shibalov, attualmente secondo a poco più di 2 minuti di distanza da Sotnikov. Spero che anche la Tatra di Kolomy, il MAZ di Viazovich e forse l'Iveco di De Rooy potrebbero lottare con loro”.

 

Atmosfera al bivacco di URUMQI: Spritz e divertimento

Silk Way Rally 2017: Domenica di riposoNumerose le attività allestite dagli organizzatori per la giornata di riposo nell’Exhibition Centre di Urümqi.

Nel vasto programma di intrattenimento erano previste un torneo di mini-calcio e un Gran Prix di modellini radio-comandati, dove le diverse squadre e gli organizzatori hanno schierato i loro “campioni”. Non poteva mancare ovviamente un attrezzato car wash per ridare un pò di smalto ai veicoli, mentre l’assordante musica del dj locale dava avvio alla serata al Tiger Bar, dove gli ospiti di sono  riuniti per uno spritz o un ginger vodka. Per gli appassionati di eventi culturali inoltre, un folto gruppo formato da circa 200 persone tra concorrenti, giornalisti e organizzatori si sono dati appuntamento domenica sera all'Opera di Urümqi.

 

Oggi la 9a tappa: “Direzione Yizhou” - Km 813,89

Silk Way Rally 2017: Domenica di riposoNella 9a tappa di oggi si affrontano le prime grandi dune, presenti per oltre 40 chilometri. Non saranno così difficili come lo scorso anno, ma molto più lunghe ed estese.

I concorrenti dovranno prestare attenzione durante i 421 chilometri della speciale, soprattutto nella lettura della bussola e quando si sposteranno da una valle all'altra. La navigazione sarà resa più facile grazie a una serie waypoint situati sulle prime dune. Dopo di che ci sarà un mix di piste off-road e piste in terra battuta, sempre all’insegna di tanta navigazione.

 



Commenti

Non ci sono commenti

Inserisci un commento

I campi contrassegnati con " * " sono obbligatori