Siete qui:

  1. Home
  2. AttualitÓ
  3. MERCATO
  4. EUROZONA: Il 2017 parte a doppia cifra (+10,1%)

EUROZONA: Il 2017 parte a doppia cifra (+10,1%)

| 16 febbraio 2017 17:55

EUROZONA: Il 2017 parte a doppia cifra (+10,1%)

L’Europa dell’auto parte a doppia cifra con la 39a crescita, registrando a gennaio una incremento del 10,1% - L’ACEA stima per il 2017 un lieve aumento - Per una analisi più approfondita pubblichiamo integralmente il comunicato stampa dell’UNRAE. 

 

Parte bene il 2017 dell’Europa con 21 Paesi in rappresentanza del 74% delleUNRAE (Unione Nazionale Rappresentanti Autoveicoli Esteri) vendite, con volumi in crescita a doppia cifra, tra questi naturalmente 4 dei 5 Major Markets , compresa l’Italia (+10,1%) che torna terza per volumi di vendita scavalcando la Francia mentre, tra i grandi, UK (seconda dietro la Germania) marca un altro record con un +2,9%. Gennaio 2107 è il 39° mese di crescita su 41 e così l’Europa dei 28+EFTA ripete come l’anno scorso un gennaio sopra il milione di immatricolazioni. Secondo i dati comunicati dall’ACEA, infatti, le immatricolazioni nel mese di gennaio sono state 1.203.958, in aumento del 10,1% rispetto a 1.093.878 del 2016. Secondo la stessa Associazione dei Costruttori europei, l’Europa dei 28 dovrebbe chiudere l’anno 2017 in crescita dell’1%.

Un buon mix di interventi strutturali di stimolo al rinnovo del parco circolante da parte di alcuni Paesi insieme a fortissime azioni commerciali introdotte in altri”, ha commentato Romano Valente, Direttore Generale dell’UNRAE, l’Associazione delle Case automobilistiche estere, “sta sostenendo questa crescita europea, dimostrando, ove ce ne fosse ancora bisogno, che le azioni strutturali funzionano e che le famiglie hanno interesse alla sostituzione dell’auto. L’Italia ha ancora molto potenziale anche nello sviluppo del canale delle auto aziendali, dove resiste una asimmetria tra il trattamento fiscale italiano e quanto praticato negli altri Paesi, oltre che nella dimensione del parco anziano”.

Germania: Crescita a doppia cifra per il mercato auto: gennaio a +10,5%

In Germania l’anno 2016 dell’automobile si è chiuso con 3.351.607 immatricolazioni, in crescita del 4,5% rispetto al 2015. Gennaio 2017, invece, ha archiviato 241.399 immatricolazioni di autovetture nuove, che significano una crescita del 10,5% rispetto alle 218.365 del 2016. Le immatricolazioni a privati crescono del 13,5% e raggiungono una quota del 31,5%, mentre le persone giuridiche, al 68,5% di quota, crescono del 9,2%. Incremento a doppia cifra (+16,4%) per le motorizzazioni a benzina che raggiungono una quota del 52,2%, mentre aumentano lievemente (+2,4%) le immatricolazioni di autovetture diesel, che si attestano a gennaio su una quota del 45,1%. Forte aumento per i veicoli elettrici (+177,4%) con 1.323 unità (0,5% di quota) e per le ibride che aumentano del 66,1% (1,9% di rappresentatività).

Regno Unito: Gennaio record dal 2005: 174.564 vendite e +2,9%

Lieve crescita (+2,3%) per il mercato dell’auto del Regno Unito che ha archiviato nel 2016 2.692.786 immatricolazioni di nuove auto. L’apertura del 2017, pur restando in linea con l’anno precedente, fa segnare il record dal 2005 e registra a gennaio un +2,9% con 174.564 immatricolazioni (contro le 169.678 del 2016). Segno meno per le vendite di autovetture diesel (-4,3%) che evidenziano una quota del 41,1% con 78.788 vendite. Buono il risultato, invece, per la benzina (+8,9%) al 50,7% di quota e 88.507 unità. Ottima crescita, infine, per le alimentazioni a basso impatto ambientale, che chiudono con un +19,9% e una quota del 4,2% (superato il 4% per la prima volta). Lieve flessione per le società, che calano dell’1% (6.654 unità e una quota del 3,8%), mentre aumentano le flotte dell’1,4% (al 52,2% di quota con 91.181 vendite) e i privati a +5% e una quota del 44% con 76.729 auto vendute.

Francia: Crescita a doppia cifra per l’apertura dell’anno: gennaio a +10,6%

In Francia il 2016 dell’auto si era chiuso con un incremento del 5,1% e 2.015.177 immatricolazioni. Il 2017 si apre, invece, con una crescita a doppia cifra con il mese di gennaio che, grazie alle 153.046 immatricolazioni di auto nuove, fa segnare un +10,6%. Ottimo risultato anche per le vendite di auto usate che aprono l’anno con un +8% sul 2016 e 462.924 unità. Analizzando la suddivisione per alimentazione, risulta una crescita complessiva per tutte le motorizzazioni: il diesel registra una quota del 47,9%, seguito dalla benzina al 46,3%. In crescita anche le ibride con 6.582 vendite (4,3% di quota) e le elettriche con 4.242 unità e una quota dell’1,46%. Quota del 54% per le piccole, del 28% per le medie inferiori, 13% per le medie superiori e 6% per le superiori e lusso. Tra le carrozzerie, più della metà del mercato (52%) è rappresentata dalle berline, il 30% (in crescita di 3 punti percentuali) dai SUV.

Spagna: Sprint in apertura d’anno con gennaio al +10,7%

Con una chiusura 2016 a +11% (quasi 1.150.000 immatricolazioni), il mercato dell’auto spagnolo parte con la giusta marcia e archivia il mese di gennaio 2017 con 84.515 vendite di auto nuove, il 10,7% in più rispetto alle 76.334 del 2016, un buon risultato sebbene ancora lontano dai 101.630 veicoli nuovi del 2008, anno in cui iniziò la crisi. Il canale dei privati, con 45.183 unità, ha segnato un +8,7% di aumento e una quota di un punto percentuale più bassa (53,5%) nonostante la fine dei fondi del Plan PIVE per il ringiovanimento del parco. Incremento a doppia cifra, invece, per il canale delle società (+13,6%) che registra 26.248 immatricolazioni e dei noleggi (+12,3%) che raggiunge 13.084 auto nuove.

 



Commenti

Non ci sono commenti

Inserisci un commento

I campi contrassegnati con " * " sono obbligatori