Siete qui:

  1. Home
  2. PROVE E DINTORNI
  3. Saloni
  4. Salone dell’Auto di Torino: 650.000 visitatori!

Salone dell’Auto di Torino: 650.000 visitatori!

| 13 giugno 2016 17:53

Salone dell’Auto di Torino: 650.000 visitatori!

Record di visitatori: 650.000 le persone che hanno visitato la seconda edizione del Salone dell’Auto di Torino Parco Valentino.

 

E’ l’edizione dei record quella che si conclude oggi a Torino: sono state 650.000 le persone che hanno visitato il Salone dell’Auto di Torino Parco Valentino dall’8 al 12 giugno 2016, secondo i primi dati della prefettura.Salone dell’Auto di Torino: 650.000 visitatori!

Visitatori da tutta Italia che hanno dimostrato di apprezzare il ritorno di un grande Salone dell’Auto nazionale con una nuova formula, all’aperto, un format che riporta l’auto in mezzo alla gente perché il Salone è a ingresso libero con orario prolungato, dalle 10 alle 24. Le pedane, elegantemente esposte en plein air sono state il podio perfetto per valorizzare le automobili esposte, contorniate dalla natura sempre diversa e comunque suggestiva del Parco Valentino.

I numeri della seconda edizione del Salone dell’Auto di Torino continuano con le 43 Case automobilistiche e i 12 Centri Stile partecipanti, più di 100 auto esposte, le 8 anteprime mondiali e le 21 anteprime nazionali presentate, 4000 richieste di prenotazione test drive, circa 5000 download dell’App ufficiale Salone Auto Torino.Salone dell’Auto di Torino: 650.000 visitatori!

Enorme soddisfazione per gli organizzatori, come traspare dalle parole di Andrea Levy, presidente del Salone dell’Auto di Torino: “L’anno scorso è stata una sorpresa, quest’anno possiamo dire senza dubbio che si tratta di un’edizione da salone internazionale: sono più di 650.000 le persone che da tutta Italia hanno deciso di venire a Torino per visitare il Salone dell’auto di Torino. Chiudiamo un’edizione da record pronti a pensare alla prossima, al Salone dell’Auto di Torino 2017”.

 



Commenti

Non ci sono commenti

Inserisci un commento

I campi contrassegnati con " * " sono obbligatori