Siete qui:

  1. Home
  2. 4x4 e ambiente
  3. NEWS&FULL ELECTRIC
  4. Volkswagen I.D. Buzz 4WD (Detroit 2017)

Volkswagen I.D. Buzz 4WD (Detroit 2017)

volkswagen i.d. buzz 4wd, hybrid 4x4, volkswagen 4x4 | 10 gennaio 2017 18:24

Volkswagen I.D. Buzz 4WD (Detroit 2017)

La Volkswagen presenta in anteprima mondiale l’I.D. BUZZ a Detroit - Un inedito van elettrico che riaccende le emozioni del “Flower-Power” - Van elettrico con autonomia fino a 600 chilometri e otto posti - Trazione integrale ed emissioni zero per il van capace di proiettare nel futuro le sensazioni del Bulli.


I.D. BUZZ – Anteprima mondiale per il van a emissioni zero

Volkswagen I.D. Buzz 4WD (Detroit 2017)L’ora della mobilità elettrica è scoccata. E la Volkswagen intende lasciare il segno: con il nuovo I.D. BUZZ la Volkswagen presenta al North American International Auto Show (NAIAS) dall’8 al 22 gennaio 2017) a Detroit un Microbus dei tempi moderni. Con il suo design questo prototipo di van elettrico riesce a creare un legame tra le origini leggendarie della marca Volkswagen e il suo futuro elettrico. Come la I.D., anche l’I.D. BUZZ è un altro concept Volkswagen capace di dare un volto alla mobilità elettrica. Si tratta di un veicolo il cui design particolarmente pulito riflette una trasformazione che coinvolge sia il Marchio che i relativi modelli. Herbert Diess, Presidente del Consiglio di Amministrazione della marca Volkswagen, ha dichiarato al riguardo: “Nel 2020 inizierà la grande offensiva elettrica della marca Volkswagen, con modelli dall’architettura totalmente inedita, che porterà sul mercato una nuova generazione di veicoli 100% elettrici e completamente collegati in rete. Entro il 2025 puntiamo a vendere un milione di auto elettriche all'anno. Faremo della mobilità elettrica il nuovo tratto distintivo della Volkswagen”. A Detroit la Volkswagen presenta il volto eclettico della mobilità elettrica di domani, svelando la propria concept car I.D. BUZZ, un capolavoro di spaziosità a trazione integrale dotato di motori elettrici sull’asse anteriore e posteriore, modalità di marcia completamente automatizzata (I.D. Pilot) nonché elementi di visualizzazione e di comando di nuova generazione.

 

Nuovo MPV, nuovo nome

Volkswagen I.D. Buzz 4WD (Detroit 2017)Nonostante la denominazione I.D. BUZZ sia stata creata artificialmente, la scelta è tutt’altro che casuale. I.D. sta per Identità, Idea, Individuale, Intelligente e Iconic Design. BUZZ invece ricorda, sul piano fonetico, la parola “bus” e, sul piano linguistico, il silenzioso “ronzio” del motore. Il tutto si sposa alla perfezione con il concept del prototipo, all’avanguardia dal punto di vista tecnico e orientato al design.


Viaggiare per 600 chilometri, il tempo di bere un caffè e la batteria è già ricaricata

Volkswagen I.D. Buzz 4WD (Detroit 2017)Il primo van con guida autonoma.L’I.D. BUZZ è un van di ultima generazione; si basa sul nuovo pianale modulare per veicoli elettrici MEB e offre comfort e spazio a volontà per viaggiare. La sua autonomia elettrica si aggira intorno ai 600 chilometri secondo il ciclo di guida NEDC (270 miglia/AER)”, ha dichiarato Frank Welsch, Membro del Consiglio di Amministrazione della marca Volkswagen con Responsabilità per lo Sviluppo. L’I.D. BUZZ può essere ricaricato in modo induttivo oppure mediante una colonnina di ricarica. Con una potenza di ricarica pari a 150 kW si ricarica dell’80% in meno di 30 minuti. Welsch aggiunge: “Il concept della I.D. BUZZ è avveniristico. Questo prototipo rappresenta a livello mondiale il primo van elettrico multivariabile con modalità di marcia completamente automatizzata. L’I.D. BUZZ trasferisce la sensazione di libertà del Bulli a una nuova era della mobilità”.


Nuovi parametri di trazione, spazio e comfort

Volkswagen I.D. Buzz 4WD (Detroit 2017)Come antesignano di una nuova era, l’I.D. BUZZ ridefinisce la concezione di parametri quali trazione, spazio e comfort. Lo evidenziano chiaramente gli aspetti elencati di seguito:

  • Passo estremamente lungo, di ben 3.300 mm.
  • Struttura della zona anteriore che, oltre a offrire un’estrema sicurezza, si distingue per un angolo di massima sterzata delle ruote molto ampio che, in combinazione con l’asse posteriore sterzante, consente un diametro di volta straordinariamente contenuto, inferiore a 11 m.
  • Batteria agli ioni di litio piatta integrata nel pianale che consolida la struttura base della vettura. Ne abbassa inoltre il baricentro e provvede a un’ottimale ripartizione del peso sugli assi, oltre a garantire una ridotta accelerazione trasversale.
  • Asse anteriore con telaio ausiliario disaccoppiato rigido e motore integrato (che in abbinamento a quello posteriore dà origine alla trazione sulle quattro ruote).
  • Asse posteriore con sospensioni multilink, propulsore integrato e telaio ausiliario disaccoppiato.
  • Layout dell’asse sinonimo di dinamica di marcia ottimale e ottime qualità acustiche.
  • Sospensioni pneumatiche sull’asse posteriore e ammortizzatori a regolazione elettronica su entrambi gli assi per il massimo comfort di marcia.
  • Pneumatici 235/45 R22 con 780 mm di diametro per un comfort di rotolamento ottimale.

 

Modalità di marcia I.D. Pilot come anticipazione della guida nel 2025

Funzione di guida completamente automatizzata

Volkswagen I.D. Buzz 4WD (Detroit 2017)Sono trascorsi appena quattro mesi da quando la Volkswagen ha presentato la “sorella minore” dell’I.D. BUZZ al Salone dell’Automobile di Parigi: la I.D. che ha a sua volta rappresentato una piccola, grande rivoluzione. Un’auto elettrica compatta con un’autonomia fino a 600 chilometri, che vedremo sulle nostre strade a partire dal 2020. La prima vettura basata sul pianale MEB che sarà prodotta in serie e la prima concept car Volkswagen in grado di viaggiare in modalità completamente automatizzata. Il nuovo I.D. BUZZ è il primo van dotato di una tale funzione: basta premerlo leggermente e il volante rientra fondendosi con la plancia e fa sì che l’I.D. BUZZ passi dalla modalità manuale a quella completamente automatizzata I.D. Pilot (disponibile dal 2025). Il volante a questo punto si sgancia dallo sterzo. Il guidatore può ruotare il proprio sedile all’indietro proseguendo il viaggio rivolto verso i passeggeri. Scanner laser, sensori a ultrasuoni, sensori radar, telecamere Area View e una telecamera anteriore rilevano l’ambiente circostante, mentre la ricezione di ulteriori dati del traffico avviene tramite il cloud.

 

Informazioni proiettate nello spazio virtuale attraverso la realtà aumentata

Navigazione con immagini virtuali nello spazio reale

Volkswagen I.D. Buzz 4WD (Detroit 2017)Sull’I.D. BUZZ la classica plancia non esiste più. Il van proietta, infatti, le principali informazioni nel campo visivo del guidatore tramite un head-up display AR: virtualmente sulla strada in 3D. AR significa Augmented Reality. Si tratta di una tecnologia che proietta immagini generate elettronicamente nello spazio reale. Ulteriori informazioni sono visualizzate su un tablet, che funge da display; alcune funzioni, come quelle relative all’infotainment e alla climatizzazione vengono gestite tramite questo tablet estraibile. Nei quattro pannelli delle porte e sui lati esterni della terza fila di sedili, inoltre, sono presenti dei campi capacitivi, grazie ai quali è possibile gestire in modo personalizzato anche le funzioni di climatizzazione suddivise in sei zone.

Da volante a drivepad. I principali elementi di comando relativi alla guida si trovano, invece, sul volante. Al suo interno i consueti tasti e razze lasciano il posto a una sorta di touchpad con campi capacitivi: il volante tradizionale si trasforma così in un drivepad multifunzione.

 

Spazio fino a otto persone e per ogni sorta di biciclette e tavole da surf

MPV di nuova generazione

Volkswagen I.D. Buzz 4WD (Detroit 2017)Lo sfruttamento dello spazio di questo prototipo, che può ospitare fino a otto persone, non ha eguali nel settore dei veicoli elettrici. Volete trascorrere un fine settimana fuori porta in compagnia di un’altra famiglia? Con l’I.D. BUZZ non c’è problema. Un concerto con la band in un’altra città? Nessun problema. Partire per le vacanze con biciclette e tavole al seguito? Nessun problema. Viaggiare con i colleghi per un incontro di lavoro, i cui dettagli devono ancora essere perfezionati durante il tragitto? Nessun problema, grazie all’architettura multivariabile dei sedili e al collegamento interattivo in rete dell’I.D. BUZZ. Grazie alla piattaforma
MEB-XL ampliata questa concept car (lunga 4.942 mm, larga 1.976 mm e alta 1.963 mm) vanta dimensioni straordinarie all’interno della sua categoria. 

 

Silent Running

Volkswagen I.D. Buzz 4WD (Detroit 2017)Ma l’I.D. BUZZ non offre solo spazio a volontà. Grazie alla sua concezione tecnica, diventa una delle auto più confortevoli al mondo: silenzio, si viaggia. Il passo è estremamente lungo (3.300 mm) e la batteria è posizionata al centro nel pianale della vettura. Questo abbassa il baricentro, assicurando una ripartizione del peso ottimale. Grazie ai suoi ammortizzatori a controllo elettronico, il telaio dell’I.D. BUZZ offre, inoltre, un livello di comfort degno di un’auto di classe superiore.

 

Dinamica ed ecocompatibilità grazie alla sinergia di due motori 

L’I.D. BUZZ ha un’indole dinamica e si ricarica velocemente

Volkswagen I.D. Buzz 4WD (Detroit 2017)La trazione integrale a emissioni zero, con una potenza di sistema di 374 CV, è in perfetta sintonia con il carattere dinamico dell’I.D. BUZZ. Un motore elettrico sull’asse anteriore e uno sull’asse posteriore contribuiscono ciascuno con 150 kW di potenza. La distribuzione della potenza tra i due assi avviene tramite un albero cardanico elettrico. Questa motorizzazione consente alla versione dell’I.D. BUZZ presentata a Detroit di passare da 0 a 100 km/h in circa 5 secondi; la velocità massima è limitata a 160 km/h. La batteria del van (capacità fino a 111 kWh) si ricarica all’80% nell’arco di 30 minuti (con il Combined Charging System/CCS o tramite l’interfaccia induttiva con una potenza di ricarica pari a 150 kW). In alternativa, è possibile ricaricare la batteria usando una comune presa di corrente oppure le colonnine di ricarica. La configurazione con trazione integrale è solo una delle diverse versioni possibili. Per esempio, in funzione del settore e del tipo di impiego, sarebbe anche possibile, grazie al MEB, dotare l’I.D. BUZZ di trazione posteriore fino a 200 kW e batteria di dimensioni leggermente ridotte da 83 kWh.

 

Informazioni principali – L’I.D. BUZZ in pillole

  1. Volkswagen I.D. Buzz 4WD (Detroit 2017)  1) Maggior sicurezza e comfort: la concept car I.D. BUZZ è il primo van a trazione elettrica con guida completamente automatizzata.
  2.   2) Percorrenze assimilabili alle attuali motorizzazioni a benzina: autonomia fino a 600 chilometri / 270 miglia AER (All Electric Range).
  3.   3) Espressione di una nuova generazione di sistemi propulsivi: il design dell’I.D. BUZZ regala un volto nuovo alla mobilità elettrica.
  4.   4) Due bagagliai e massima versatilità: grazie alla propulsione elettrica l’I.D. BUZZ è un capolavoro di spaziosità con ben otto sedili.
  5.   5) La persona al centro dell’attenzione: in modalità di marcia automatizzata I.D. Pilot, il guidatore può ruotare il sedile di 180 gradi in direzione del vano posteriore.
  6.   6) Aderenza garantita su qualsiasi tipologia di terreno: trazione integrale elettrica con due motori e potenza di sistema pari a 275 kW / 374 CV.
  7.   7) Icona di nuova generazione: una concept car che proietta nel futuro le sensazioni del Bulli.
  8.   8) Tutto è perfettamente visualizzato nel campo visivo del guidatore: l’head-up display proietta le informazioni tramite realtà aumentata.
  9.   9) Il volante con touchpad capacitivo si trasforma in un drivepad: le funzioni principali possono essere gestite tramite il volante.
  10. 10) Utilizzabile anche al di fuori dell’I.D. BUZZ: consolle centrale variabile con tablet che funge da display e altoparlanti Bluetooth Beats.

 



Commenti

Non ci sono commenti

Inserisci un commento

I campi contrassegnati con " * " sono obbligatori