Siete qui:

  1. Home
  2. 4x4 e ambiente
  3. NEWS&FULL ELECTRIC
  4. Volkswagen sostiene il ruolo del biometano

Volkswagen sostiene il ruolo del biometano

| 09 novembre 2016 16:39

Volkswagen sostiene il ruolo strategico del biometano

È la soluzione più ecosostenibile da affiancare allo sviluppo dell’elettrico - H2R/Ecomondo (il più importante salone italiano dedicato alla mobilità sostenibile in programma alla Fiera di Rimini dall’8 all’11 novembre) contesto ideale per promuoverne l’utilizzo - Golf, unica con cinque alimentazioni possibili, è già nel futuro.


La Volkswagen arriva a H2R dopo avere definito con forza e chiarezza che il futuro sarà elettrico, autonomo e connesso. Il 2020 è l’orizzonte per il lancio della Volkswagen elettrica di domani, ovvero la versione definitiva di serie della concept I.D. presentata al Salone di Parigi. La mobilità sostenibile è un tema su cui già oggi Volkswagen è molto avanti e la Golf, protagonista a Rimini, ne è la dimostrazione. La bestseller è infatti l’unica a offrire tutte le principali soluzioni di mobilità, con le sue cinque differenti alimentazioni: accanto agli Euro 6 benzina TSI e Diesel TDI, ci sono le versioni GTE ibrida plug-in, e-Golf 100% elettrica (con 300 km di autonomia) oltre alla TGI a metano. Se è vero che ibrido plug-in prima e 100% elettrico poi rappresenteranno il futuro della mobilità, è altrettanto vero che nell’immediato la soluzione più concreta e credibile per una mobilità sostenibile è il biometano. Il gas prodotto da fonti rinnovabili è infatti in grado di garantire un impatto ambientale molto limitato, può sfruttare le infrastrutture esistenti e fa funzionare perfettamente gli attuali motori a metano. Ipotizzando di alimentare un veicolo con 100% di biometano, si otterrebbero livelli di CO2 well to wheel (cioè dal pozzo alla ruota) analoghi a quelli attribuibili a un veicolo elettrico caricato con energia prodotta secondo il mix italiano 2015 (termoelettrico, nucleare e rinnovabile). Ma già utilizzando una miscela 20% / 80% di biometano / metano fossile, si otterrebbero emissioni inferiori a quelle di analoghi veicoli ibridi, come è bene evidenziato nel grafico qui sotto.

 Volkswagen sostiene il ruolo strategico del biometano

Fonti dati

Emissioni tank to wheel (dal serbatoio alla ruota): JATO Dynamics immatricolato autovetture mercato Italia da ottobre 2015 a settembre 2016.

Emissioni well to wheel (dal pozzo alla ruota) per benzina, gasolio, metano fossile e ibrido: “Use of bio-methane for auto motive application:

primary energy balance and well to wheel analysis” di F. Zuccari, A. Santiangeli, A. Dell’Era, A. D’orazio, C. Fiori, F.Orecchini.

Emissioni well to tank (dal pozzo al serbatoio) del biometano: “Use of bio-methane for auto motive application: primary energy balance and well to wheel analysis” di F. Zuccari, A. Santiangeli, A. Dell’Era, A. D’orazio, C. Fiori, F.Orecchini.

Emissioni per auto elettrica sono calcolate considerando un consumo pari a 0,122 kWh/km, un rendimento del sistema di carica pari al 90% e il fattore di emissioni per il consumo di elettricità in Italia 2015 pari a 352,4 g/kWh (Fonte: ISPRA: Fattori di emissione atmosferica di CO2 e sviluppo delle fonti rinnovabili nel settore elettrico, gennaio 2015).

Emissioni ibrido plug-in: sono state considerate sia quelle della benzina sia quelle concernenti l’elettricità da rete.

 

Anche in base a queste evidenze Volkswagen ha scelto di sostenere il biometano e quindi il suo potenziale ruolo strategico nell’abbattimento delle emissioni. Il supporto sarà indirizzato alla promozione di azioni finalizzate al consolidamento della produzione di biometano e di un quadro normativo stabile che permetta un significativo sviluppo del settore. In quest’ottica si inserisce la collaborazione con CARe (Center for automotive research and evolution) che partirà a gennaio. Volkswagen metterà a disposizione una flotta di cinque Golf (una per tipo di alimentazione e quindi TSI, TDI, TGI, GTE ed e-Golf) per condurre una sperimentazione aperta a eventuali altri partner interessati, che avrà come obiettivo dimostrare l’efficienza dell’impiego di una miscela di metano fossile e biometano in campo automobilistico. A livello internazionale Volkswagen è protagonista di analoghi progetti di sostegno alla diffusione del biometano. In Germania, già dal 2010, in collaborazione con un partner locale, è stata creata la prima stazione di rifornimento di SunGas, come è stato ribattezzato il biometano nell’ambito del progetto. In Svezia, invece, è stato scelto l’ambito del motorsport per promuovere l’uso del gas da fonti rinnovabili. Nel 2008, Volkswagen e la società E.ON SE hanno stretto un accordo e hanno fatto partecipare due Scirocco al Campionato Svedese Turismo (STCC). Infine in Spagna, nel 2014, Volkswagen si è unita al consorzio All-gas il cui progetto ha dimostrato la sostenibilità della produzione su larga scala di biocarburante basato sulla coltivazione a basso costo di microalghe.

 



Commenti

Non ci sono commenti

Inserisci un commento

I campi contrassegnati con " * " sono obbligatori