Siete qui:

  1. Home
  2. SUV
  3. Eclispe Cross: SUV e gratificazione emotiva

Eclispe Cross: SUV e gratificazione emotiva

| 09 febbraio 2018 16:30

Eclispe Cross: quando l’auto è gratificazione emotiva

Un entusiasmante test-drive sulle nevi della Norvegia con la nuova Mitsubishi Eclispe Cross nel corso di un’ampia sessione di prove off-road, culminata con una full-immersion di guida veloce su un lago ghiacciato all’interno del Langedrag Nature Park.

 

Analizzando i recenti dati relativi alle immatricolazioni delle auto,Eclispe Cross: quando l’auto è gratificazione emotiva sia sul mercato italiano che nel resto dell’Europa, si nota una costante e continua ripresa che sembra ormai aver accantonato definitivamente i fantasmi legati alla crisi economica dell’ultimo decennio. L’automobile è tornata finamente ad essere quel “bene di consumo a prova di qualsiasi crisi economica”, come veniva definita spesso in un recente passato, e anche le motivazioni legate al suo acquisto  stanno assumendo nuovi connotati. Da semplice mezzo di trasporto, grazie al design e all’avvento di sempre più raffinate tecnologie hi-tech, l’auto ha subito una forte evoluzione che hanno spostato i tradizionali parametri legati all’acquisto del veicolo. Parametri sempre più spesso legati a fenomeni di gratificazione emotiva che gli utenti, oltre che nel design, individuano nelle dotazioni tecnologiche, in quelle relative alla sicurezza e nel piacere di guida.Eclispe Cross: quando l’auto è gratificazione emotiva

La nuova Mitsubishi Eclisse Cross soddisfa appieno queste aspettative, anticipate già lo scorso anno in occasione dell’anteprima mondiale al Salone di Ginevra. Pubblico e addetti ai lavori intuirono subito le potenzialità del nuovo SUV Coupé della Casa dei Tre Diamanti che manifestava senza timori l’ambizione a rappresentare un radicale punto di svolta per Mitsubishi Motors, ponendosi come capostipite di una nuova generazione di veicoli destinata a svolgere un ruolo sempre più decisivo nel mercato europeo dei SUV. La recente unione tra MMC e l’Alleanza Renault-Nissan risulterà inoltre fondamentale per l’ampliamento della clientela di base di Mitsubishi Motors insieme ad ASX e Outlander. Oltre a delineare il nuovo orientamento del brand che, nel caso della nuova Eclipse Cross, si basa su tre elementi fondamentali rappresentati da un design estremamente accattivante, dalla dinamica di guida e dall’introduzione di tecnologie d’avanguardia. (g.r.)

 

80 anni di esperienza nelle tecnologie di trazione integrale

Mitsubishi PX 33 (1936)Con l’ntroduzione della nuova Eclipse Cross Mitsubishi Motors torna alle origini, trasformando il suo pluriennale know-how in una preziosa risorsa per il futuro: 80 anni di esperienza nelle tecnologie di trazione integrale (dalla storica torpedo PX33 del 1936), 40 anni di esperienza nei SUV (dal Pajero originale del 1982) e quasi 30 anni di applicazione del sistema All Wheel Control (dalla Galant VR4 originale del 1987 con “Dynamic Four”).

A rafforzare ulteriormente la verà identità SUV (rispetto ai SUV “commerciali”) del Marchio, oltre alla storica PX 33 4WD del 1936, contribuiscono anche altri elementi tra cui:

- Sistema di controllo dinamico integrato Super-All Wheel Control (S-AWC) fin dal 1987

- SUV: 77% delle vendite in Europa – anno solare 2016 (incluso L200/escluso RU/UA)

- 4WD: 49% delle vendite in Europa – anno solare 2016Mitsubishi Pajero (1982)

- Dinamica di guida che richiama le origini sportive (12 vittorie alla Dakar/5 campionati WRC)

- Ingegneria avanzata

- Tutta l’esperienza Mitsubishi (100 anni di automobili Mitsubishi/150 anni di gruppo Mitsubishi)

- Manifattura giapponese

- Posizionamento anticonformista (“Eccellenza qualitativa giapponese”)

Il risultato di questa visione è una nuova gamma di SUV, il primo dei quali è Eclipse Cross 2017, un’auto che ha due missioni da compiere:

- Consentire un posizionamento del marchio più ambizioso e orientato alla qualità, soprattutto in Europa;

- Confermare la strategia di prodotto di MMC come attore chiave nel mercato dei SUV, nelle varie declinazioni del termine.

 

Una sfida da affrontare

Eclispe Cross: quando l’auto è gratificazione emotivaIn questo senso, Eclipse Cross si affiancherà alla gamma esistente, insieme ad ASX e ad Outlander, ma con una diversa roadmap. È un SUV coupé dai profili scolpiti, che vanta l’eccellenza qualitativa giapponese, un comportamento su strada brillante, dotazioni intelligenti e funzionalità innovative:

caratteristiche grazie a cui Mitsubishi Motors conquisterà sempre nuovi clienti in svariati serbatoi di utenza:

- nel mercato globale dei SUV, in continua espansione, che rappresenta circa il 25% del mercato mondiale e dove i modelli compatti sono la categoria in maggiore crescita.

- nel nuovo sottosegmento dei “SUV coupé”, dove Mitsubishi Motors è entrata per la prima volta nel 2013 con il concept XR PHEV...

Eclispe Cross: quando l’auto è gratificazione emotiva- ma dove esiste anche un’élite di SUV dall’identità autentica, di cui Mitsubishi Motors fa parte.

La nuova roadmap è perfettamente illustrata dalla scelta del nome: non un acronimo ma un “nome proprio” che riunisce in sé le emozioni e la tecnologia d’avanguardia di MMC:

- ECLIPSE: in riferimento all’auto sportiva che Mitsubishi ha costruito negli Stati Uniti tra il 1989 e il 2012.

- CROSS: un invito ad attraversare i confini con l’intraprendenza tipica dei SUV.

 

DESIGN “Deciso e Provocatorio”: dal concept alla realtà

Eclispe Cross: quando l’auto è gratificazione emotivaÈ finita l’epoca dei veicoli “multifunzione”, che rispondono a tutte le esigenze e a nessuna. Ora i clienti cercano prodotti che riflettano la propria personalità, dalle auto all’abbigliamento, fino agli arredi di design. MMC vuole aggiungere “l’emozione del design” alle sue credenziali ingegneristiche. Eclipse Cross concretizza queste direzioni strategiche con il passaggio da XR PHEV II Concept a un’auto prodotta in serie, tenendo conto di tutti i vincoli costruttivi e normativi. La scelta è evidente nel design muscoloso e dinamico, che ricorda un atleta pronto a scattare ai blocchi di partenza. Rimane l’andamento cuneiforme della linea di cintura del concept, che accentua il dinamismo dato dal taglio coupé, ulteriormente esaltato dalla ripida angolazione del finestrino di coda, dal tetto rastremato, dal rapporto tra passo lungo e sbalzi corti, e dai parafanghi anteriori e posteriori scolpiti.

Eclispe Cross: quando l’auto è gratificazione emotivaLe due linee speculari profondamente scolpite sui fianchi ricordano quelle di XR PHEV II e danno un senso di solidità e pienezza, come se fossero intagliate nel metallo puro, una sensazione che si riflette anche nel massiccio cofano a conchiglia. La linea superiore avvolge la coda del veicolo creando l’effetto di un blocco di partenza, sotto il finestrino posteriore triangolare diviso da una linea intersecante: anche questo un dettaglio stilistico ripreso dal concept. I gruppi ottici in coda si sviluppano orizzontalmente con una barra luminosa a LED che attraversa il portellone e integra le luci dei freni e la terza luce di stop, ottimizzando la visibilità agli altri automobilisti e la “presenza” su strada. L’attenzione ai dettagli coniuga forma e funzione: ne sono esempi il tergilunotto nascosto sotto lo spoiler posteriore, per nonEclispe Cross: quando l’auto è gratificazione emotiva interferire con la visibilità in coda e non turbare l’eleganza delle linee (come anche i poggiatesta posteriori completamente retraibili); le massicce maniglie posteriori, ergonomiche e perfettamente in linea con il concetto di SUV; il tetto a “doppia bolla” (non disponibile con l’opzione tettuccio apribile), un esplicito riferimento agli sport motoristici, ma anche una soluzione elegante per aumentare la spazio e migliorare l’aerodinamicità. La potenza espressiva del frontale “Dynamic Shield” (l’identità visiva del concept) si evolve ulteriormente, ribassando fendinebbia e indicatori di direzione e dando loro maggiore rilievo, mentre i fari a LED e le luci diurne sono ora posizionati più in alto. Dettagli brillanti come la griglia del radiatore superiore perfezionano il look sportivo del modello. Il design rifugge da ogni eccesso decorativo per realizzare un’immagine sostanziale, matura e molto sicura di sé.


Test-drive off-road su neve e ghiaccio

Eclispe Cross: quando l’auto è gratificazione emotivaSituata a circa 220 chilometri a NW di Oslo, nel cuore della contea norvegese di Bunskerud, Geilo è la prima stazione sciistica del Paese ed è famosa per aver ospitato i Giochi paralimpici invernali nel 1980. E’ in questa rinomata stazione invernale che la Mitsubishi ha scelto di far provare la nuova Eclispe Cross alla stampa internazionale, nel corso di un affascinante test-drive off-road su neve e ghiaccio che ha evidenziato le straordinarie potenzialità del nuovo sistema di trazione integrale S-AWC.

Usciamo dal nostro albergo al mattino presto, e nonostante siano le 7.30 è ancora buio. Le auto, già schierate e pronte alla partenza, scaldano i motori mentre il termometro di bordo segna una temperatura esterna di -11° C.

Eclispe Cross: quando l’auto è gratificazione emotivaL’itinerario previsto (ca 120 km) si snoda lungo un percorso ad anello che dal Vestlia Resort  di Geilo ci porterà attraverso scenari innevati di straordinaria bellezza fino all’Iced Lake, sulla cui superfice sono stati allestiti quattro circuiti diversi per effettuare le prove veloci.

Superati i timori iniziali dovuti alle strade completamente innevate, ci avviamo alla volta del Langedrag Nature Park, considerata una delle aree naturalistiche più singolari della Norvegia grazie alla ricchissima fauna presente tra la fitta vegetazione resa particolarmente suggestiva dalla neve che ricopre praticamente ogni angolo.

La prima sensazione alla guida della nuova Eclipse Cross evidenzia subito una forte aderenza al suolo, ulteriormente esantata dai pneumatici (chiodati) IceContact2 SUV della Continental,  sulle cui fiancateEclispe Cross: quando l’auto è gratificazione emotiva spicca in bella mostra un cristallo di neve. Fin dalla partenza abbiamo inserito la modalità  “Snow” (ripartizione della coppia da 80/20% a 45/55%) che, analogamente alle altre due (“Auto” e “Gravel”), integra i controlla i vari sistemi dinamici del veicolo dando quasi l’impressione di viaggiare su rotaie anche in condizioni precarie di aderenza.  Ottimo anche il comfort di marcia, grazie alle sospensioni accuratamente calibrate (MacPherson sull’asse anteriore e posteriori multi-link); da segnalare inoltre che le sospensioni posteriori sono state irrigidite per contrastare meglio le forze laterali, ottenendo una migliore stabilità del veicolo e un controllo più preciso e diretto dello sterzo elettrico che, grazie ad una sensibile riduzione delle vibrazioni, aumenta il comfort di marcia creando un feeling più diretto col pilota.

Nei tratti rettilinei decidiamo di mettere alla prova l’impianto frenante, con dischi anteriori da 43 cm,Eclispe Cross: quando l’auto è gratificazione emotiva sviluppato puntando proprio alle performance in situazioni estreme; frenando bruscamente a media velocità (ca 60 kmh) ci siamo fermati in uno spazio molto contenuto e, soprattutto, senza alcun cenno di sbandamento, grazie al sistema di controllo dinamico integrato del veicolo Super-All Wheel che, nell’applicazione su Eclipse Cross 4WD, incorpora un sistema di controllo attivo dell’imbardata (“AYC”) attivato dai freni. Elementi senz’altro utili sulle piste situate all’interno del Langedrag Nature Park dove, come ci ricordano numerosi cartelli stradali presenti lungo il percorso, bisogna prestare particolare attenzione agli animali e, soprattutto, all’attraversamento di alci, precauzione suggerita anche da una nota presente sul nostro road-book.

Dopo aver superato il bivio per Vikangred siamo già oltre metà percorso e ci avventuriamo nella parte più off-road del percorso, lungo una pista completamente innevata e dalla carreggiata più stretta eEclispe Cross: quando l’auto è gratificazione emotiva ricca di dossi.

Oltrepassata Dagali, un piccolo villaggio abitato da poche centinaia di persone situato a 24 km a SE di Geilo, arriviamo finalmente all’Iced Lake, ma prima di intraprendere le prove sul ghiaccio ci fermiamo nella suggestiva tenda lappone allestita per l’occasione, al cui interno ci aspettano alcune prelibatezze della cucina norevegese a base di renna, merluzzo affumicato e salmone.

Prima di effettuare le prove partecipiamo a un veloce briefing nel corso del quale lo staff Mitsubishi ci mostra le caratteristiche dei quatto percorsi che dovremo affrontare; i primi due sono circuiti ricchi di curve veloci e brevi tratti rettilinesi, nel secondo la nostra Eclipse Cross sarà sottoposta ad una prova di “ring” attorno ad un gigantesco totem di neve,Eclispe Cross: quando l’auto è gratificazione emotiva mentre nella quarta prova si affronta il classico test di slalom tra i birilli.

Anche stavolta occorre qualche giro per “rompere il ghiaccio”, ma una volta entrati in sintonia con il veicolo l’Eclipse Cross continua ancora a stupire. In ogni situazione è sempre incollata sul ghiaccio e, anche disattivando alcuni sistemi di controllo, le traiettorie (comprese quelle effettuate nei rapidi transitori dello slalom) si affrontano sempre nella massima sicurezza grazie alla correzione immediata degli errori del pilota. Errori che non sfiorano minimamente la stratosferica Mitsubishi Evo  guidata da Jari Ketomaa, campione finlandese di rally, le cui evoluzioni mozzafiato hanno accompagnato l’intesa sessione dei test-drive della nuova Mitsubishi Eclipse Cross sull’Iced Lake. (g.r.)

 



Commenti

Non ci sono commenti

Inserisci un commento

I campi contrassegnati con " * " sono obbligatori