Siete qui:

  1. Home
  2. Attrazione AWD
  3. Anfibi
  4. Biski: La moto anfibia che sfreccia a 37 nodi

Biski: La moto anfibia che sfreccia a 37 nodi

| 08 aprile 2016 09:54

Gibbs Biski: La moto anfibia che sfreccia a 37 nodi

 

Nell’affascinante mondo dei veicoli anfibi siamo ormai abituati a vedere, come abbiamoGibbs Biski: La moto anfibia che sfreccia a 37 nodi sottolineato in diverse occasioni, le più svariate tipologie di veicoli in grado di marciare su strada e navigare in acqua.  Da quelli oversize di origine militare (Larc-5 ACV, CROC, Seep, Panhard VLB, etc) alle normali auto destinati alla produzione di serie costruite dagli anni Sessanta (Amphicar e Amphi Ranger) ai giorni nostri (Dutton Surf e Amphicruiser); da quelli artigianali fatti in casa (JetRanger, Volvo 240 SW e Subaru Impreza) agli anfibi sottomarini come la sQuba Rinspeed, dai bus anfibi (Ampicoach e Floating Dutchman) a quelli superveloci con le ruote retrattili prodotti sul mercato americano (Amphygator, Panther e Hydra Spider) e su quello europeo come l’Aquada della Gibbs, presentata nel 2004 senza tuttavia approdare alla produzione diGibbs Biski: La moto anfibia che sfreccia a 37 nodi serie. L’azienda inglese Gibbs Sports Amphibians  è una delle aziende più note e apprezzate a livello mondiale nella progettazione e nella realizzazione di veicoli anfibi, ideati dal suo fondatore Alan Gibbs.  Dopo l’Aquada infatti Gibbs ha realizzato numerosi altri anfibi come il Quadsky e l’Humdinga, oltre ad alcuni prototipi altamente innovativi mai visti finora nell’ambito degli anfibi.  Tra questi, una delle ultime realizzazioni (ancora allo stato di concept) è il Gibbs Biski, una vera e propria moto anfibia capace si raggiungere i 130 kmh su strada e di sfrecciare a 37 nodi (68.5 kmh) sull’acqua.  Completamente diversa dalle tradizionali moto d’acqua che ovviamente non possono marciare su strada, o dalla KTM 250 SX dello stunt-biker australiano Robbie Maddison (opportunamente modificata per navigare sull’acqua, ma che affonda se la velocità diminuisceGibbs Biski: La moto anfibia che sfreccia a 37 nodi sotto un certo limite), la Gibbs Biski è un vero e proprio anfibio a due ruote in grado di galleggiare senza problemi anche da fermo. L’idea iniziale risale a cinque anni fa quando Alan Gibbs avvia il progetto per la realizzazione di una moto che all’occorrenza potesse trasformarsi in jetsky, assicurando brillanti prestazioni sia su strada che durante la navigazione.  Dopo quattro anni di progettazione il primo prototipo viene finalmente portato a termine nell’autunno scorso e a metà novembre la Gibbs Sports Amphibians ha diffuso il primo video ufficiale che mostra le capacità de veicolo attraverso una serie di veloci evoluzioni in acqua. Dal punto di vista tecnico anche la Gibbs Bisky funziona come gli altri anfibi prodottiGibbs Biski: La moto anfibia che sfreccia a 37 nodi dall’azienda inglese: su strada si comporta come una normale motocicletta (anche se assomiglia più a un maxi-scooter), ma appena entrata in acqua la coppia viene trasferita in pochi secondi (agendo su un pulsante sul manubrio) ad un motore idrogetto e il veicolo parte velocemente raggiungendo una velocità di punta di 37 nodi, in posizione leggermente impennata e con la ruota anteriore che rimane e completamente in aria, senza creare quindi alcuna resistenza all’acqua. Equipaggiata con un motore bicilindrico che sviluppa una potenza di 55 CV, la Gibbs Biski pesa come un normale maxi-scooter (ca 230 kg) e rimane sempre a galla grazie all’ampia sezione longitudinale del guscio monoscocca in allumino che, pur sacrificando qualcosa all’estetica, consente al mezzo diGibbs Biski: La moto anfibia che sfreccia a 37 nodi restare in posizione verticale anche da fermo facilitando la discesa in acqua e la risalita in sella.  Per ora l’azienda lo ha presentato come un concept per cui non sono ancora noti i tempi per l’approdo ad una eventuale produzione di serie, né la cifra da sborsare per acquistare la prima moto anfibia della storia.

 



Commenti

Non ci sono commenti

Inserisci un commento

I campi contrassegnati con " * " sono obbligatori