Siete qui:

  1. Home
  2. Crossover
  3. Test Drive: Subaru XV 2.0iES Bi-Fuel Trend

Test Drive: Subaru XV 2.0iES Bi-Fuel Trend

Stefano Signori | 08 marzo 2013 16:02

Test Drive: Subaru XV 2.0i�ES Bi-Fuel Trend

La versione 2.0i ES Trend, che si affida ad un brillante quattro cilindri boxer di 2.0 litri (147 CV e 180 Nm di coppia) è il modello di punta della gamma XV Bi-Fuel - L’utilizzo dell’alimentazione GPL comporta una leggera perdita di potenza che non influisce tuttavia sulle prestazioni.

 

Nonostante la gamma della XV, l’apprezzata crossover Subaru moltoTest Drive: Subaru XV 2.0i�ES Bi-Fuel Trend gradita dalla clientela italiana, potesse contare fin dal lancio di una eccellente motorizzazione turbodiesel, la Casa delle Pleiadi nella scorsa estate ha affiancato ai “normali” modelli a benzina, le derivate versioni Bi-Fuel a doppia alimentazione benzina-GPL. Così per l’utente attento ai consumi ed all’ecologia, che sceglie la versatile berlina giapponese si aprono due strade: diesel o Bi-Fuel. Entrambe le opzioni consentono di godersi in pieno le eccellenti doti dinamiche della grintosa crossover del Sol Levante, salvaguardando il portafoglio e l’ambiente in due modalità ben distinte. Nel caso della motorizzazione turbodiesel, consigliata per chi macina tanti chilometri, prevalgono i consumi estremamente contenuti, mentre se la scelta cade sull’alimentazione Bi-Fuel il vantaggio è costituito dal rilevante risparmio sul costo del carburante, visto che il GPL viene venduto in Italia ad un prezzoTest Drive: Subaru XV 2.0i�ES Bi-Fuel Trend inferiore di circa il 50% rispetto alla benzina verde. La XV Bi-Fuel come altri modelli Subaru, monta un impianto di ultima generazione realizzato dalla BRG con un serbatoio toroidale da 48 litri inserito nel vano normalmente riservato alla ruota di scorta. Versione di punta della gamma XV Bi-Fuel è la 2.0i-ES Trend, che si affida ad un brillante quattro cilindri boxer di 2.0 litri in grado di sviluppare una potenza di 147 cavalli e 180 Nm di coppia. L’utilizzo dell’alimentazione GPL comporta una leggera perdita di potenza che influisce in maniera quasi insignificante sulle prestazioni, che scendono di 1 Km/h nel caso della velocità massima di 187 km/h con l’alimentazione a benzina e di poche frazioni di centesimi nell’accelerazione. A trarre invece notevoli benefici dall’alimentazione a GPL sono, oltre all’indubbio risparmio alla pompa, l’autonomia che grazie ai due serbatoi permette diTest Drive: Subaru XV 2.0i�ES Bi-Fuel Trend percorrere fino a 1.450 chilometri e le emissioni di CO2, che scendono da 160 a 150 gr/km. Un ulteriore vantaggio derivante dell’alimentazione GPL è quello di poter accedere alle sempre più diffuse aree ZTL presenti ormai in quasi tutte le città italiane. Per contro, al momento di acquistare un’auto Bi-Fuel vanno considerati anche altri fattori che potrebbero annullare i vantaggi della doppia alimentazione benzina-GPL, primo tra tutti il maggior costo di queste versioni (circa 2.000 euro nel caso della XV 2.0i- ES Bi-Fuel Trend) che può essere ammortizzato solo da chi percorre molti chilometri. Bisogna poi mettere in conto che la rete di distruzione del GPL in certe zone del Paese non è ancora totalmente sviluppata e che rispetto alla benzina, il consumo con questo tipo di alimentazione è decisamente superiore.

 

TRAZIONE 4X4

Test Drive: Subaru XV 2.0i�ES Bi-Fuel TrendPer garantire un’eccellente tenuta di strada su qualsiasi terreno,  la Subaru XV si affida al collaudato sistema di trazione integrale permanente Symmetrical AWD (All Wheel Drive) che, grazie alla sua struttura completamente simmetrica, con alberi di trasmissione di uguale lunghezza, favorisce una motricità esemplare anche nelle situazioni più impegnative. In condizioni di normale aderenza, questo sofisticato sistema a controllo elettronico distribuisce tramite una frizione multidisco la coppia motrice per il 60% all’avantreno e per il 40% al retrotreno. In caso di slittamento delle ruote anteriori,  aumenta automaticamente la quantità di coppia indirizzata alle ruote posteriori, così da assicurare un’adeguata trazione anche sui fondi a scarsissima aderenza. 

 

VERSIONI & PREZZI

Test Drive: Subaru XV 2.0i�ES Bi-Fuel TrendA poco più di un anno dal debutto sul mercato italiano,  la Subaru XV è proposta in 9 versioni, tutte equipaggiate  con motori boxer e dotate di trazione integrale permanente. Oltre ai propulsori a benzina di 1.6 litri (114 CV) e 2.0 litri (150 CV) disponibili anche con alimentazione Bi-Fuel, l’offerta prevede un turbodiesel di 2.0 litri da 147 cavalli. I modelli a benzina di 2.0 litri  possono montare a richiesta il cambio automatico  Lineartronic a 6 rapporti, mentre tutte le altre versioni dispongono unicamente della trasmissione manuale a 5 o 6 marce.

Questi sono i prezzi su strada:

Test Drive: Subaru XV 2.0i�ES Bi-Fuel TrendXV 1.6i Comfort  -  €     22.990

XV 1.6i-S Trend  -  €     25.990

XV 2.0i-ES Trend  -  €    27.990

XV 1.6i Bi-Fuel Comfort  -  €    25.010

XV 1.6i-S Bi-Fuel Trend  -  €    28.010

XV 2.0i–ES Bi-Fuel Trend  -  €    30.010

XV 2.0D Comfort  -  €    26.990

XV 2.0D-S Trend  -  €    29.990

XV 2.0D-S Exclusive  -  €    31.990

 

EQUIPAGGIAMENTO ACCESSORISTICO

Test Drive: Subaru XV 2.0i�ES Bi-Fuel TrendDi serie: airbag frontali, laterali ed a tendina, ABS Con EBD, climatizzatore automatico bi-zona, impianto stereo con CD, MP3 e comandi al volante, fendinebbia, specchietti regolabili e riscaldabili elettricamente, Start & Stop, controllo elettronico della stabilità VDC, Hill Start Assistant, cruise control, sensore pioggia, cerchi in lega leggera da 17”, vetri posteriori oscurati,

Optional: cambio automatico Lineartronic (2.020 euro), vernice metallizzata (550 euro).

 

ON ROAD

Test Drive: Subaru XV 2.0i�ES Bi-Fuel TrendValida alternativa alle versioni equipaggiate con motore  turbodiesel, la XV 2.0i Bi-Fuel amplia il raggio d’azione del classico propulsore a benzina da 147 cavalli, garantendo con l’alimentazione GPL un considerevole risparmio sul costo del pieno. Così a seconda del percorso e del tipo di guida che preferisce adottare,  il conducente può scegliere se viaggiare sfruttando la normale alimentazione a benzina o, in alternativa, quella più economica a GPL. Le differenze dal punto di vista delle prestazioni sono davvero minime: la velocità massima è pressoché identica, mentre accelerazioni e riprese richiedono solo qualche frazione di secondo in più, che non mortifica affatto la brillantezza di questo modello. Pur non vantando una potenza prorompente, il generoso quattro cilindri boxer che equipaggia la versione 2.0i Bi-Fuel assolve al meglio il suo compito,Test Drive: Subaru XV 2.0i�ES Bi-Fuel Trend assicurando una buona spinta fin dai bassi regimi, grazie anche al valido apporto del cambio a 6 rapporti dagli innesti abbastanza rapidi e precisi. Ben assecondata da uno sterzo che segue fedelmente le traiettorie impostate dal guidatore, la XV 2.0i  Bi-Fuel eccelle come tutte le Subaru nella tenuta di strada che, grazie al sofisticato sistema di trazione integrale permanente Symmetrical AWD, mantiene la vettura praticamente incollata all’asfalto, sull’asciutto come sul bagnato. Ad incrementare la sicurezza nelle condizioni più impegnative, gioca inoltre un ruolo determinante il controllo elettronico della stabilità VDC, che pur dimostrandosi poco invasivo nella guida “normale”, interviene tempestivamente permettendo al conducente di gestire in tutta sicurezza la vettura anche nelle situazioni critiche.     

 

OFF-ROAD

Test Drive: Subaru XV 2.0i�ES Bi-Fuel TrendOltre a vantare, come tutti i modelli Subaru, un eccellente comportamento su strada,  la XV è la prima vettura della Casa giapponese ad offrire prestazioni più che convincenti anche nell’off-road, a conferma dell’impostazione decisamente versatile di questa indovinata crossover, che è in grado di affrontare in tutta sicurezza anche percorsi piuttosto impegnativi. Punto di forza della versione 2.0i Bi-Fuel come di tutti i modelli XV, è in prima battuta il collaudato sistema di trazione integrale permanente Symmetrical AWD che assicura una motricità esemplare su qualsiasi terreno, ma giocano un ruolo determinante anche la notevole altezza da terra (220 mm) determinante sui fondi più sconnessi e l’ampia articolazione delle sospensioni che dotate di ammortizzatori con valvole a risposta rapida, garantiscono una risposta ancora più pronta e di conseguenza un’elevata maneggevolezza. Molto utili per affrontare in tutta sicurezza le salite e le discese più ripide, risultano inoltre il sistema anti-arretramento per le partenze in salita e l’Hill Start Assistant che limita la velocità sui pendii più scoscesi.

 

LA TECNICA IN SINTESI

Test Drive: Subaru XV 2.0i�ES Bi-Fuel TrendTelaio: monoscocca, 5 porte, 5 posti

Motore: anteriore longitudinale a benzina, 4 cilindri boxer

Cilindrata: 1.995 cc

Potenza max: 147 CV a 6.200 giri

Coppia max: 180 Nm a 3.500 giri

Distribuzione: bialbero, 16 valvole

Alimentazione: iniezione elettronica multipoint

Dimensioni: lunghezza 4.450 mm, larghezza 1.780, altezza 1.570, passo 2.635, carreggiate 1.525/1.525Test Drive: Subaru XV 2.0i�ES Bi-Fuel Trend

Peso a vuoto: 1.495 kg.

Capacità serbatoio benzina: 60 litri

Capacità serbatoio GPL: 48 litri

Sospensioni anteriori: indipendenti, schema MacPherson

Sospensioni posteriori: indipendenti, bracci multipli

Pneumatici: 225/55 R17

Freni: anteriori a disco autoventilanti, posteriori a disco, ABS, EBD

Cambio: manuale a 6 marce

Sterzo: a cremagliera con servocomando

Altezza minima da terra: 220 mm

Diametro di sterzata: 10,6 m

Velocità massima: 187 km/h

Accelerazione da 0 a 100 km/h: 10,5 sec

Emissioni medie di CO2: 160 gr/kmTest Drive: Subaru XV 2.0i�ES Bi-Fuel Trend

Consumi (benzina)

Percorso urbano: 8,8 litri/100 km

Percorso extraurbano: 5,9 litri/100 km

Percorso misto: 6,9 litri/100 km

Consumi (GPL)

Percorso urbano: 12,7 litri/100 km

Percorso extraurbano: 7,8 litri/100 km

Percorso misto: 9,6 litri/100 km

 



Commenti

Non ci sono commenti

Inserisci un commento

I campi contrassegnati con " * " sono obbligatori