Siete qui:

  1. Home
  2. Attrazione AWD
  3. Awards
  4. Hyundai: Green Steering Wheel 2013 Award

Hyundai: Green Steering Wheel 2013 Award

| 05 dicembre 2013 20:34

Hyundai: Green Steering Wheel 2013 Award

La  Hyundai  ix35  Fuel  Cell  a  idrogeno  si  aggiudica  il  prestigioso  riconoscimento  Green  Steering  Wheel  2013  Award  in  Turchia.

 

Hyundai Motor riceve il ‘Green Steering Wheel 2013’ per la ix35 Fuel Cell,  prestigioso riconoscimentoHyundai: Green Steering Wheel 2013 Award della rivista Auto Show, edizione turca della famosa AUTO BILD.  I giudici e i lettori hanno eletto a pieni voti il modello Hyundai ix35 Fuel Cell a idrogeno valutandone non solo le prestazioni tecniche, ma anche le implicazioni future che il suo utilizzo avrà sull’ambiente. Hyundai Motor Company, in quanto prima casa automobilistica al mondo ad aver avviato la produzione di veicoli a zero emissioni di idrogeno, ha contribuito infatti a sensibilizzare i consumatori nei confronti di questa realtà e in questa occasione ha riscontrato molti apprezzamenti ed elogi. “Questo premio dimostra l'impegno di Hyundai nei confronti della sostenibilità e nella ricerca di tecnologie di combustibili alternativi”, ha dichiarato Önder Göker, Managing Director di HyundaHyundai: Green Steering Wheel 2013 Awardi Assan Turkey, “e la ix35 Fuel Cell offre le stesse funzionalità, prestazioni, livelli di sicurezza e di esperienza di guida di una ix35 azionata da un motore a combustione interna, ma con zero emissioni allo scarico. Sono felice che i lettori e i professionisti di Auto Show riconoscano i fantastici vantaggi che questo veicolo offre“. “Green Steering Wheel” premia le innovazioni in ambito ambientale nel settore automobilistico ed appartiene ad una speciale categoria del 'Volante d'Oro', considerato tra i riconoscimenti più autorevoli del settore a livello europeo. Dal 1976 il Volante d'Oro premia i migliori nuovi modelli di auto dell'anno e  i vincitori vengono selezionati dalla giuria composta dai rappresentanti delle riviste AutoBild e BILD am Sonntag, e dalla casa editrice Axel Springer.

 



Commenti

Non ci sono commenti

Inserisci un commento

I campi contrassegnati con " * " sono obbligatori