Siete qui:

  1. Home
  2. Pole Position
  3. Raduni ed Eventi
  4. ASI Transport Show in terra d’Abruzzo

ASI Transport Show in terra d’Abruzzo

| 03 giugno 2013 23:23

ASI Transport Show in terra d’Abruzzo

Per  l’annuale  ritrovo  di  veicoli  commerciali,  industriali,  corriere,  veicoli  speciali  e  autocaravan  l’ASI  con  la  regia  della  Commissione  Trasporti  Civili  ha  scelto  quest’anno  l’Abruzzo  -  “ASI-Transport-Show  in  terra  d'Abruzzo”  è  infatti  il  titolo  di  questa  manifestazione  che  si  svolgerà  tra  Lanciano,  San  Vito  Chietino,  Fossacesia,  Ortona  e  Pescara.

 

Il raduno muoverà i primi passi da Lanciano, dove nel pomeriggio di  venerdìASI Transport Show in terra d’Abruzzo 7 giugno gli equipaggi affluiranno nel piazzale storico della Vecchia Stazione della Ferrovia Sangritana, per registrazione e accrediti. I veicoli saranno esposti e cominceranno a fare spettacolo grazie al  loro aspetto e i loro colori così vivaci. A bordo di autobus d'epoca, i collezionisti si trasferiranno presso un Agriturismo per la cena di benvenuto. La mattina del sabato 8 giugno, alle ore 10, i mezzi inizieranno un percorso alla scoperta di San Vito Chietino e della sua famosa Costa dei Trabocchi, caratterizzata  dalla diffusione del trabocco, una macchina da pesca su palafitta. Si tratta di un tratto di costa famoso per la sua bellezza naturalistica e per la sua eterogeneità: ognuno dei paesi della Costa, mantiene infatti le proprie caratteristiche e tradizioni. Intorno alle 12, arrivo a Fossacesia dove si effettuerà la visita guidata dell'Abbazia di San Giovanni in Venere, le cui origini si fanno risalire al 550 quando dei monaci benedettini demolirono il tempio diASI Transport Show in terra d’Abruzzo Venere Conciliatrice e  cominciarono la costruzione di una chiesa che successivamente ampliata, rimase ai benedettini sino al 1585, quando passò ai Filippini. Dopo innumerevoli vicissitudini, anche recenti, oggi è gestita dai padri Passionisti ai quali si deve la ricostruzione dopo i danneggiamenti dovuti al 2° conflitto mondiale. E’uno dei massimi monumenti della regione Abruzzo. Monumento nazionale dal 1881 è citata in pubblicazioni dell’Unesco. Dopo la visita a questo gioiello pranzo conviviale. Nel pomeriggio, si rientra a Lanciano, dove i mezzi verranno esposti lungo il Corso principale mentre i partecipanti, dopo un aperitivo offerto dal locale Club Frentano Ruoteclassiche, effettueranno una visita guidata della città. Cena presso un noto ristorante della zona che sarà raggiunto sempre a bordo di  autobus d'epoca. Domenica mattina 8 giugno  tutti i mezzi muoveranno verso Ortona dove sosteranno lungo il CorsoASI Transport Show in terra d’Abruzzo principale. Saranno accolti con un aperitivo offerto dall’ Amministrazione locale. Si riparte poi  alla volta di Pescara dove i mezzi saranno esposti nel Piazzale della Vecchia Stazione ed i partecipanti, dopo una breve passeggiata lungo Corso Umberto,  pranzeranno a base di pesce dell'Adriatico.  A conclusione del pranzo sarà servita una ricca torta offerta dal locale Old Motors Club d'Abruzzo. Si concluderà a Pescara questa  manifestazione che per la sua unicità attirerà l’attenzione e i ricordi del pubblico, non certo abituato ad ammirare questi veicoli, che hanno scritto pagine così importanti nella storia del Paese, segnandone lo sviluppo culturale, economico e sociale. I camion trasportando merci, le corriere consentendo la mobilità delle persone in tempi nei quali la disponibilità delle auto non era così diffusa. Si prevede la partecipazione di mezzi molto interessanti, provenienti da varie regioni del Nord e del Centro (Toscana, Emilia, Veneto, Liguria,ecc) ma anche dal CentroSud, dove sono stati scovati molti mezzi storici di fresco restauro o di corretta conservazione. Con queste manifestazioni, l’ASI riafferma la sua funzione culturale, portando questi mezzi sotto gli occhi del pubblico di solito chiusi nei musei e nel contempo ne incentiva il desiderio di scoperta e  di conservazione preservandoli dall’abbandono. Si tratta di mezzi rigorosamente conservati e restaurati secondo i dettami dell’ASI, che costituiscono un “unicum” in quanto il parco italiano di veicoli commerciali storici, è considerato un riferimento a livello mondiale.

 



Commenti

Non ci sono commenti

Inserisci un commento

I campi contrassegnati con " * " sono obbligatori