Siete qui:

  1. Home
  2. AttualitÓ
  3. MERCATO
  4. AGOSTO 2017: Mese effervescente (+15,8%)

AGOSTO 2017: Mese effervescente (+15,8%)

| 01 settembre 2017 18:44

AGOSTO 2017: Mese effervescente (+15,8%)

Il mese di agosto, secondo i dati diffusi dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, registra 83.363 unità rispetto alle 72.006 dell’agosto del 2016 con un incremento del 15,8% - Per una analisi più approfondita pubblichiamo integralmente il comunicato stampa dell'UNRAE (Unione Nazionali Rappresentanti Autoveicoli Esteri) e di Federauto, l'associazione che rappresenta i concessionari di tutti i brand commercializzati in Italia.

 

Noleggio e società i canali che spingono le vendite (UNRAE)

UNRAE (Unione Nazionale Rappresentanti Autoveicoli Esteri)Il mercato dell’auto è in crescita da 45 mesi (ad eccezione di maggio 2014 e aprile 2017): dai dati diffusi dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti, infatti, risulta in agosto un aumento del 15,8% per le immatricolazioni di auto nuove, che sono state 83.363, circa 11.000 unità in più dello stesso mese dello scorso anno quando se ne immatricolarono 72.006. Era dal 2009, anno degli ultimi incentivi quando si immatricolarono 85.000 unità, che non si registrava un mese di agosto così tonico. Si evidenzia, quindi, un aumento del tasso di crescita del cumulato dei primi otto mesi del 2017 che archiviano un incremento del 9,1% grazie al 1.366.389 immatricolazioni contro il 1.252.621 dei primi otto mesi dello scorso anno. Crescono i canali del Noleggio (+41,8%) e delle Società (+50,2%) con la componente autoimmatricolazioni che pesa quasi l’80%; sono sostanzialmente stabili le vendite a Privati (+0,6%).

Il mercato conferma che si stanno aprendo nuovi canali di vendita all’interno di quelli convenzionali e che lo stesso canale privati si sta alimentando probabilmente dal parco di autoimmatricolazioni disponibile nelle reti di vendita”, ha commentato Michele Crisci, Presidente dell’UNRAE, l’Associazione che in Italia rappresenta le Case Automobilistiche Estere. “Il nostro Centro Studi e Statistiche, ha infatti verificato che le vetture autoimmatricolate escono dal parco concessionari con un’anzianità media ponderata di 4,5 mesi; considerato che negli ultimi 4 mesi le autoimmatricolazioni sono state circa 124.500 vuol dire che esiste una giacenza di autoimmatricolazioni che potrebbe anche influenzare il rallentamento delle immatricolazioni nuove del mese di settembre. Questa articolazione del mercato potrebbe però consentire di affrontare meglio i temi autunnali che ormai incombono e che conosciamo. L’UNRAE auspica che il Decisore Pubblico, a livello locale e nazionale, attui interventi strutturali sulla mobilità perseguendo i seguenti obbiettivi: 1) sostituzione del vecchio parco circolante con veicoli Euro 6; 2) ammodernamento del sistema infrastrutturale; 3) preparazione alla guida autonoma; 4) costituzione di una cabina di regia sui temi della mobilità; 5) rinnovo strutturale del Superammortamento e rifinanziamento della Legge Sabatini”.

Dall’analisi della struttura del mercato si evince, come anticipato, una scomposizione del mercato per canali che vede i privati registrare 49.281 vendite e perdere quasi 9 punti percentuali di rappresentatività, a favore delle società che guadagnano 6 p.p., arrivando a circa il 25% di quota, e del noleggio che attestandosi al 16% di quota guadagna quasi 3 p.p. rispetto allo scorso anno. Da sottolineare, in questo scenario, la lieve perdita di rappresentatività nelle vendite sia per la benzina (-1,0 p.p.) che per il diesel (-1,3 p.p.) che, crescendo meno del mercato, si attestano nel mese di agosto rispettivamente al 57,7% e 29,6%, nonostante gli incrementi dell’11,7% e del 13,2%. Crescono più del mercato, invece, il GPL, con oltre 6.000 unità (+39,2%) e le ibride che, con un incremento di quasi il 90% e circa 3.000 immatricolazioni, raggiungono il 3,5% di quota; resta sostanzialmente stabile il metano (+1,3%) e una quota dell’1,9%; trend ancora in crescita per le alimentazioni elettriche. Nell’analisi per segmento, da rilevare la flessione delle autovetture appartenenti segmento alto di gamma che calano a doppia cifra (-20,3%), a fronte delle ottime performance dei segmenti C-medie (+21,6%) e D-medie superiori (+17,7%), mentre il segmento B–utilitarie cresce sostanzialmente quanto il mercato. Segno positivo per tutte le carrozzerie: in particolare per i monovolume grande (+42,4%) e per i crossover che, con un +37,9%, guadagnano 4 punti percentuali di quota e si attestano al 24% di rappresentatività grazie alle oltre 20.000 auto vendute. Questa crescita del mese di agosto, infine, è distribuita su tutta la penisola ma con una spiccata performance dell’area Nord Occidentale (+21,3%), di quella Nord Orientale (+16%) e della Centrale (+16,2%) che insieme superano l’80% delle immatricolazioni totali. In conclusione, nel mese di agosto i passaggi di proprietà al lordo delle minivolture (i trasferimenti temporanei a nome del concessionario in attesa della rivendita al cliente finale) sono stati, secondo i dati diffusi dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, stabili rispetto allo scorso anno (+0,5%). Le 272.950 unità del mese di agosto, infine, hanno portato il cumulato 2017 a registrare una flessione del 2,2% rispetto allo scorso anno con 3.041.611 trasferimenti totali di automobili.

 

Il mercato cresce  soprattutto grazie alle kilometrozero (Federauto)

FEDERAUTOSecondo i dati diffusi dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, il mese di agosto si è chiuso con 83.363 immatricolazioni di autovetture nuove, segnando un +15,8% rispetto allo stesso mese del 2016.

Secondo le elaborazioni di DATAFORCE, oltre la metà delle auto di agosto sono state immatricolate negli ultimi tre giorni”, commenta Filippo Pavan Bernacchi, presidente di Federauto, l'associazione che rappresenta i concessionari di tutti i brand commercializzati in Italia, “mentre le kilometrizero e le ‘demo’ targate dalle case auto e dai concessionari nei primi 8 mesi sono pari all’intero 2016: quasi 220.000 unità. In un mese di agosto positivo per il mercato dell’auto nel suo complesso, si conferma quindi il massiccio ricorso alle kilometrizero. Il mercato c’è, si respira aria di ottimismo, però i dati presentano una situazione non fedele alla realtà. Con buona pace di certi ‘analisti’, o presunti tali, che non hanno colto che quest’anno il ricorso alle kilometrizero è aumentato quasi del +50%”.

L’Osservatorio Federauto, che monitora l’attività delle concessionarie e l’andamento delle immatricolazioni nel mese, conferma la modestissima crescita dei privati con +0,4%; l’esplosione delle immatricolazioni a società, tra le quali ci sono le kilometrizero, con +52,1% e la forte crescita del noleggio con +40,8%.

Conclude Pavan Bernacchi: “Proiettando i dati dei primi 8 mesi sull’intero 2017, la quota delle kilometrizero e delle demo dovrebbe attestarsi al 31 dicembre a oltre le 324.000 unità, pari a una quota del 14,8% del totale delle immatricolazioni auto e veicoli commerciali leggeri”.

 



Commenti

Non ci sono commenti

Inserisci un commento

I campi contrassegnati con " * " sono obbligatori