Siete qui:

  1. Home
  2. Concept
  3. MINI Electric Concept (IAA 2017)

MINI Electric Concept (IAA 2017)

| 01 settembre 2017 16:31

MINI Electric Concept (IAA 2017)

MINI presenta al Salone IAA di Francoforte 2017 uno studio di design completamente elettrico – La MINI Electric Concept abbina il suo design iconico al divertimento di guida in città.

 

MINI coglie l’occasione del Salone dell’Auto IAA 2017 di Francoforte sul MenoMINI Electric Concept (IAA 2017) per presentare la sua interpretazione della futura mobilità urbana sotto forma della MINI Electric Concept. Progettata per un utilizzo in aree urbane, questa concept car offre la possibilità di intravedere come potrebbe essere la mobilità quotidiana puramente elettrica negli anni a venire. La MINI Electric Concept porta il design iconico, il patrimonio di auto cittadina ed il tradizionale go-cart feeling del marchio MINI nell’era della mobilità elettrica. Nel 2019 MINI presenterà un modello di serie completamente elettrico.

L’elettrificazione sistematica del marchio e della gamma dei prodotti rappresenta un pilastro fondamentale della strategia NUMBER ONE > NEXT del BMW Group”, ha dichiarato Harald Krüger, Presidente del Consiglio di Amministrazione della BMW AG, ”e la MINI Electric Concept offre un’anteprima entusiasmante del veicolo di serie completamente elettrico. MINI e l’elettrificazione rappresentano un abbinamento perfetto”.

MINI Electric Concept (IAA 2017)La mobilità urbana è ormai radicata nel Dna del marchio MINI; la città rappresenta il suo habitat naturale. Questo ambiente e le esigenze specifiche che esso pone, per quanto riguarda l’automobile, hanno infatti fornito la tela sulla quale il team di Design MINI ha dato vita alla MINI Electric Concept. L’efficiente sistema di propulsione, unito ad una regolazione delle sospensioni perfettamente adeguata e l’utilizzo di elementi aerodinamici aggiuntivi portano ad una dinamica di guida che rispecchia perfettamente lo stile MINI e a un’autonomia ottimale. Tutto ciò rende la MINI Electric Concept una soluzione molto attraente e a zero emissioni per le attuali sfide che la mobilità deve affrontare nei centri urbani ed extraurbani.

“Con il suo caratteristico go-kart feeling e con il potente motore elettrico, la MINI Electric Concept è molto divertente da guidare”, commenta Peter Schwarzenbauer, membro del Consiglio di Amministrazione di BMW AG responsabile per MINI, Rolls-Royce e BMW Motorrad, “rimanendo adatta ad un uso quotidiano e producendo zero emissioni. È così che noi in MINI immaginiamo la mobilità elettrica nel mondo di domani”.

 

MINI: l’auto pioniera per il BMW Group verso la mobilità elettrica

MINI Electric Concept (IAA 2017)Sono già trascorsi quasi dieci anni da quando MINI fece un passo significativo e pionieristico con la MINI E, ponendo così le basi del BMW Group per lo sviluppo di soluzioni per la mobilità elettrica fino alla produzione di serie. La MINI E, presentata nel 2008, fu la prima auto completamente elettrica del BMW Group ad essere guidata da utenti privati nel normale traffico quotidiano, nell’ambito di una prova sul campo molto estesa. Più di 600 auto MINI E hanno fatto parte di questi studi sul campo in tutto il mondo. Tutte hanno contribuito ad acquisire informazioni essenziali sull’utilizzo di veicoli completamente elettrici e queste conoscenze sono state successivamente incorporate nello sviluppo della BMW i3. La MINI E ha offerto anche molto divertimento di guida, grazie alla sua grande accelerazione e maneggevolezza.

Il primo modello di serie del marchio premium britannico con un sistema di propulsione ibrido plug-in è stato presentato nella primavera del 2017: la MINI Cooper S E Countryman ALL4. Questa versione permette per la prima volta una mobilità elettrica a zero emissioni locali. La MINI Electric Concept, completamente elettrica, rappresenta l’evoluzione logica di questo sviluppo. In futuro, tutti i prodotti elettrici del marchio MINI saranno raggruppati sotto il cappello “MINI Electric”.

 



Commenti

Non ci sono commenti

Inserisci un commento

I campi contrassegnati con " * " sono obbligatori