Siete qui:

  1. Home
  2. PROVE E DINTORNI
  3. Aziende
  4. JLR: Al via i test per i veicoli intelligenti

JLR: Al via i test per i veicoli intelligenti

| 01 luglio 2018 18:24

JLR: Al via i test per i veicoli intelligenti

Nel “Connected Corridor” i test per i veicoli intelligenti JLR - Jaguar Land Rover sta sperimentando, sulle strade del Regno Unito, una flotta di veicoli connessi che possono “parlare” fra loro - I test fanno parte del Progetto UK CITE da 7,1 milioni di sterline mirato alla realizzazione della prima infrastruttura stradale totalmente connessa, predisposta per i veicoli a guida autonoma - Infrastruttura stradale e veicoli -  Discovery Sport, Range Rover ed F-PACE - sono stati corredati di un’innovativa combinazione di tecnologie wireless - I veicoli della flotta sperimentale sono in grado di “parlare” fra loro e con l’ambiente, per migliorare la sicurezza, evitare gli incidenti e preparare la strada ai veicoli a guida autonoma.

 

Jaguar Land Rover sperimenta, sulle strade britanniche, i propri veicoli intelligenti e connessi per aprire la strada ai veicoli a guida autonoma. I test su strada pubblica fanno parte di un progetto da 7,1 milioni di sterline mirato alla realizzazione della prima infrastruttura connessa del Regno Unito, predisposta per i veicoli a guida autonoma. Più di 64 km di strada disporranno di un'innovativa combinazione di tecnologie wireless (Dedicated Short Range Communication, reti 3/4G e a fibra ottica), che assicurano una connessione costante tra veicoli e tra questi e le infrastrutture.

La connessione veicolo-veicolo e veicolo-ambiente (nota come V2X) è un passaggio vitale per l'impiego sicuro e su larga scala dei veicoli autonomi. Le più recenti tecnologie connesse integrano gli altri sensori dei veicoli consentendo di “vedere” più lontano, e “parlare” ad altri veicoli, ad infrastrutture, pedoni e reti. Ad esempio, un avviso che segnali che il veicolo che precede (non visibile perché nascosto da una curva) sta frenando bruscamente, può evitare un incidente.  Il sistema in grado di operare sia con la guida manuale sia con quella autonoma, migliorerà notevolmente la sicurezza stradale a tutti i livelli di autonomia.

“Per poter sfruttare tutti i vantaggi dei veicoli autonomi dobbiamo approfondire l'infrastruttura necessaria a supportarne l’operatività”, ha dichiarato Colin Lee, Connectivity Manager di Jaguar Land Rover, “e la connettività non solo avvicina la realizzazione dei veicoli autonomi, ma crea la piattaforma che nei prossimi anni offrirà ai nostri clienti un maggior numero di caratteristiche di sicurezza derivate da questa tecnologia. Stiamo lavorando a fianco di eccezionali esperti di tutto il mondo automobilistico ed accademico, e non vediamo l'ora di portare il progetto alla prossima fase di test".

Jaguar Land Rover proverà una gamma di dispositivi connessi come l'allerta elettronico di frenata d'emergenza (EEBL), l'allerta avvicinamento di veicolo di emergenza (EVW), le informazioni a bordo su segnaletica (IVS) per cantieri stradali (RWW) e condizioni del traffico (TCW). UK CITE è solo uno dei progetti di tecnologia autonoma e connessa ai quali Jaguar Land Rover partecipa, per offrire ai clienti maggiore scelta ed un'esperienza di guida sempre divertente e sicura. Questo progetto è parte della visione aziendale: rendere l'automobile autonoma attiva nel maggior numero di situazioni possibili, su asfalto o in off-road, e in ogni condizione atmosferica.

 



Commenti

Non ci sono commenti

Inserisci un commento

I campi contrassegnati con " * " sono obbligatori