Siete qui:

  1. Home
  2. AttualitÓ
  3. MERCATO
  4. FEBBRAIO 2018: Il mercato rallenta (-1,4%)

FEBBRAIO 2018: Il mercato rallenta (-1,4%)

| 01 marzo 2018 18:43

Secondo i dati diffusi dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, le auto nuove vendute in Italia nel febbraio 2018 sono state 181.734, rispetto alle 184.350 unità dello stesso mese dello scorso anno, con una flessione complessiva delle vendite dell’1,4% - Per una analisi più approfondita pubblichiamo integralmente il comunicato stampa dell'UNRAE (Unione Nazionali Rappresentanti Autoveicoli Esteri).

 

Kilometrizero e nuove formule di possesso spostano il mix di vendita (UNRAE)

UNRAE (Unione Nazionale Rappresentanti Autoveicoli Esteri)Nel mese di febbraio il mercato dell’auto non riesce a ripetere il risultato positivo di gennaio. Secondo i dati diffusi oggi dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, infatti, le immatricolazioni di auto nuove a febbraio sono state 181.734, un -1,4% rispetto alle 184.350 unità dello stesso mese dello scorso anno. Con questo risultato, il cumulato dei primi due mesi del 2018 si porta a 359.907 immatricolazioni, un +1% a fronte delle 356.384 registrate nel periodo gennaiofebbraio 2017.

Il risultato di febbraio”, ha commentato Michele Crisci, Presidente dell’UNRAE, l’Associazione delle Case Automobilistiche Estere, “e in particolare la flessione dei privati, conferma il bisogno di diverse reti di vendita di far ruotare più velocemente le giacenze di vetture già autoimmatricolate che vengono prevalentemente vendute ai privati, drenando così parte della vendita di auto nuove”.

Infatti, un’analisi condotta dal nostro Centro Studi su dati consolidati dei primi 6 mesi 2017 e relativi a 185.000 autoimmatricolazioni, dimostra che queste sono state acquistate per il 40,7% da clienti privati, un 28% è andato a dealer e rivenditori che a loro volta alimenteranno il canale  privati.

Inoltre”, continua il Presidente, “si assiste a un graduale passaggio dalla proprietà al possesso, attraverso nuove formule di noleggio a lungo termine a privati”.

Per quanto riguarda le alimentazioni, l’analisi della struttura del mercato evidenzia l’incremento delle vetture ibride elettriche che nel mese crescono del 20% portando la loro quota al 3,5%. Un’analisi più approfondita meritano le motorizzazioni ibride elettriche Plug-in che in febbraio hanno incrementato i volumi del 65,5%. Buona la performance delle vetture elettriche che nel mese raddoppiano i propri volumi, grazie soprattutto alla dinamicità del canale noleggio. In febbraio si assiste a una flessione del diesel più contenuta rispetto al mercato totale con un conseguente marginale recupero di quota al 56,3% (55,8% nei due mesi). Più forte la flessione della benzina che scende al 31,9% del mercato totale (-1,4 p.p.); cresce invece il metano che, grazie alle promozioni commerciali e ad alcuni nuovi modelli, recupera quasi un punto e torna al 2,3% di quota, mentre calano del 10% le immatricolazioni a GPL (al 5,7% del totale).

La mobilità è in evoluzione”, ha proseguito Michele Crisci commentando i dati,  “e il nuovo corso è già tracciato dalla necessità di rispettare l’Accordo di Parigi sui cambiamenti climatici (COP 21), nonché il Regolamento europeo che fissa a 95 g/km di CO2 il limite delle emissioni entro il 2020. UNRAE insiste sulla necessità di un raccordo con questi obiettivi seguendo le stesse raccomandazioni della Commissione Europea che sta lavorando sugli standard, basandosi sul principio della neutralità tecnologica. Pertanto raccomanda alle forze politiche che vinceranno la tornata elettorale di considerare seriamente il tema della mobilità sostenibile nei loro piani di governo, tenendo conto anche del tessuto economico, produttivo e distributivo italiano. Noi non ci aspettiamo una scossa, piuttosto un processo, si tratta di accompagnare la transizione, cioè cominciare a far collaborare il trasporto pubblico con quello privato, pianificare incentivi per le infrastrutture e un sostegno necessario, magari fiscale, per la vita quotidiana di automobilisti che oggi hanno una sensibilità ambientale, ma anche un budget da rispettare, per stimolare il rinnovo del parco anziano, un passaggio obbligato prima ancora dei blocchi alla circolazione”.

Proseguendo nell’analisi delle vendite per tipo di utilizzatore va sottolineato, come precedentemente anticipato, che le vendite di automobili a persone fisiche hanno cominciato a orientarsi anche verso altre modalità di acquisto: da rilevare, infatti, il calo a doppia cifra delle immatricolazioni nel canale dei privati, che flettono del 13,0%; con la perdita di quasi 7 punti percentuali di quota le vendite a privati rappresentano appena la metà delle vendite totali del mese di febbraio (50,5%). A trarre vantaggio da questo fenomeno, principalmente il canale del noleggio che guadagna 5 punti di rappresentatività, attestandosi su una quota del 29,6% grazie a un aumento del 18,9% con 54.216 immatricolazioni. Da evidenziare gli ottimi risultati, nel mese di febbraio, sia del noleggio a breve termine (+15,1%) che di quello a lungo termine (+22,7%), che si attestano su una rappresentatività del 14,4% e del 15,3%. Aumento di volumi anche per le società (+7,8%), che rappresentano a febbraio il 19,9% delle vendite, grazie all’andamento delle autoimmatricolazioni.

Tra i segmenti, come riflesso della flessione del canale dei privati, si rilevano segni negativi per le piccole del segmento A, che registrano un -20,6% rappresentando il 14,8% delle immatricolazioni (3,6 p.p.) e per le utilitarie del segmento B (-5,5%). Calo sostanziale anche per le vendite di automobili di lusso, con il segmento E che perde il 15,5% dei propri volumi, mentre sempre dinamico il segmento C che, grazie a una crescita nel mese del 13,5%, insidia il segmento delle utilitarie, avvicinandosi con una quota del 35,1%. Sul fronte delle carrozzerie si registrano forti crescite per i crossover, che a febbraio aumentano del 34,1% con 51.110 immatricolazioni e guadagnano oltre 7 punti percentuali, e per i fuoristrada (+19,5%). Calo significativo dei monovolume piccoli (-40,1%) e delle cabrio e spider (-38,9%), nonché delle berline che perdono il 12,4% dei volumi. Tra le aree geografiche, infine, si registrano variazioni negative per tutta l’Italia ad eccezione del Nord Est, che registra un aumento del 5,7% rispetto allo scorso anno. Il mercato dell’usato, infine, a febbraio 2018 archivia 378.491 trasferimenti di proprietà al lordo delle minivolture (i trasferimenti temporanei a nome di un operatore, in attesa della rivendita al cliente), contro i 409.159 di febbraio dello scorso anno, in flessione del 7,5%. Nei primi due mesi del’anno, invece, il calo è del 2,1%, con 770.759 immatricolazioni a fronte delle 787.429 di gennaio-febbraio 2017.

 



Commenti

Non ci sono commenti

Inserisci un commento

I campi contrassegnati con " * " sono obbligatori